Home » Capodanno nell'Europa del Centro-Est » Capodanno a Budapest: viaggio tra terme e Danubio

Capodanno a Budapest: viaggio tra terme e Danubio

Budapest illuminata per capodanno
Budapest illuminata per capodanno, il lungo-Danubio




A noi Budapest piace, molto. Infatti oltre ad essere una capitale ricca di significati, è una città economica, perfetta per i giovani e pure romantica, per le coppie. Forse le uniche sacrificate saranno le famiglie, visto che per i bambini non ci sono particolari attrazioni come a Parigi o a Londra: in verità, il fascino dei mercatini di Natale e i bagni termali sempre aperti, potrebbero rapire anche l’interesse dei più piccoli.

La cosa che più affascina è che all’interno di un’unica città emergono due anime, una più calma e l’altra più caotica: Buda e Pest, così diverse, eppure legate tra loro dal romantico Danubio che scorre impetuoso verso l’ancora lontanissimo Mar Nero. Tra strutture architettoniche imponenti ed il fascino un po’ decadente, mix che richiama alla mente il passato recente dell’Est Europa, passiamo a vedere come può esser il capodanno nella capitale ungherese.

Budapest: info di viaggio

Cominciamo con le informazioni pratiche, utili per organizzare un viaggio in questa città per niente difficile: ecco alcuni consigli sul clima, sui voli e sui mezzi di trasporto, oltre a suggerimenti su dove dormire e cosa vedere in città. Senza dimenticarsi la parte più importante: cosa si fa a capodanno a Budapest?

Il clima

Budapest è caratterizzata da un clima continentale con inverni rigidi ed estati molto calde. Il periodo più freddo dell’anno è proprio quello in corrispondenza del capodanno fino alla metà di febbraio. A dicembre le temperature calano sotto lo zero e nei giorni in cui la città viene sferzata dai venti siberiani, la colonnina di mercurio scende ancora di più. Purtroppo anche il cielo non è mai terso, anzi è spesso occupato da dense nubi grigie.

E per quanto riguarda la pioggia? Tra dicembre e gennaio c’è la possibilità di rovesci anche sotto forma di nevischio, ma non sono così frequenti come il cielo induce a pensare.

Nonostante le premesse, al città è godibilissima: certo, avrete bisogno di entrare spesso in un pub o una pasticceria, per rifocillarvi!

Consigli per i voli

Budapest è facilmente raggiungibile con frequenti collegamenti aerei. Volendo, a chi non piacesse stare troppo tra le nuvole, la città è raggiungibile anche in una giornata di viaggio attraversando la particolare campagna ungherese costellata di fattorie situate l’una molto distante dall’altra.

Ma torniamo alle compagnie aeree. Ryanair parte dagli aeroporti italiani di Milano Orio al Serio, Bologna, Pisa, Roma Ciampino e Treviso. L’alternativa? La compagnia di bandiera Wizz Air che propone tariffe concorrenziali in linea con quelle di Ryanair. La compagnia low cost magiara collega Budapest con Bari, Milano Orio al Serio, Bologna, Alghero, Forlì, Milano Malpensa, Napoli e Roma Fiumicino. Se non avete trovato delle buone tariffe, potreste comunque dare un’occhiata alla nostra compagnia di bandiera, Alitalia, anche se dubitiamo fortemente che i prezzi siano minori delle altre due.

Come spostarsi in città

Budapest illuminata per capodanno
Budapest illuminata per capodanno, il lungo-Danubio

Tutti, o almeno la maggior parte dei viaggiatori, sanno che la metropolitana di Londra è una delle più antiche d’Europa, ma forse non tutti sono a conoscenza del fatto che la metropolitana di Budapest è la seconda più antica del nostro continente. Questo mezzo di trasporto collega tutte le zone della città con 4 linee diverse identificate con altrettanti colori e numeri. La linea 1 è la più antica della città, tanto da essere dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco: è piccola e carinissima, molto vintage!

A parte questi dettagli puramente informativi, è bene sapere che esistono più tipologie di biglietti da acquistare presso i tabaccai o alle stazioni e da obliterare prima della partenza. Tutto sommato può andare bene il biglietto singolo che, alla fine, farete pochi viaggi tra metropolitana, autobus e tram. Se siete un piccolo gruppo, è invece estremamente conveniente la 24h group travelcard, utilizzabile fino a 5 persone.

Troverete molto sponsorizzata la Budapest Card, che permette di viaggiare gratuitamente su tutti i mezzi di trasporto e di accedere a varie attrazioni. E’ comoda ma, come spesso accade con queste card, difficilmente si riesce ad ammortizzarne il costo.

E gli orari? La metro è attiva dalle 4:30 del mattino fino alle 23:10 della sera. Ovviamente durante la sera di capodanno avrete bisogno di mezzi di trasporto attivi anche la notte: in questo caso potrete optare per le linee notturne degli autobus. I tram, invece, esattamente come la metropolitana sono attivi soltanto di giorno, fino alle prime ore della sera.

Dove dormire

In periferia o in centro? Buda o Pest? Certamente vicino ad una fermata di un qualsiasi mezzo di trasporto! Detto questo, dovete sapere che le strutture ricettive in città sono tantissime, concentrate soprattutto nella parte turistica di Pest, dove si trovano locali, ristoranti e pub aperti fino a tarda notte. A Buda la situazione è completamente diversa: essendo la parte vecchia della città, in questa zona tutti gli esercizi chiudono molto presto e alla sera le strade si svuotano completamente. In definitiva Pest è perfetta per i giovani e per chi cerca movida notturna, mentre Buda è consigliata a chi vuole dormire e riposare tranquillamente.

Scendiamo nel dettaglio. Se cercate locali con musica dal vivo, pub e giovani in qualsiasi ora del giorno e della notte, potete optare per i quartieri di Oktogon, Raday Utca e Vörösmarty Tér, mentre se volete dormire in zone tranquille e poco caotiche, scegliete i quartieri di Belvaros e quelli in corrispondenza della Basilica di Santo Stefano. Una delle nostre zone rpeferite rimane comunque Fovam Tér perchè molto strategica: vicina a più linee di mezzi, vicina al fiume, vicina alle vie centrali (si può andare a piedi), ma lontana dalla zone adiacenti, più centrali.

Ah! Ci stavamo quasi dimenticando di dirvi che dormire a Budapset è abbastanza economico e le strutture variano molto le una dalle altre, anche se in linea di massima sono tutte di buon livello, ostelli compresi.

Cosa vedere a Budapest

Tra le cose da vedere, imperdibile è ovviamente il simbolo della città, il Palazzo del Parlamento, riccamente decorato in stile neo-barocco e con uno spettacolare affaccio sul fiume. Il lungo Danubio merita ovviamente più di una passeggiata: sappiate che volendo è percorribile anche in tram, con la panoramica linea n°2.

A proposito di panorami, indimenticabile, come dicevamo è quello dalla Buda Medievale alta: anche in questo caso è un mezzo pubblico quello che assicura la visuale migliore, la funicolare che sale sulla collina. Qui troverete anche il Palazzo Reale, al cui interno sono presenti alcuni interessanti musei. Sul Danubio, attraversate anche il Ponte delle Catene, il più antico della città, e quello “storto”, il Ponte Margherita, che si collega anche con l’omonima isola. E ancora: la Piazza degli Eroi, la Basilica di Santo Stefano, l’importantissima Sinagoga e… le cioccolaterie!

A parte queste zone, la città non ha attrazioni particolarmente famose come altre capitali europee, ma racchiude tante piccole cose, tutte da scoprire. C’è la Budapest lussuosa: la Váci utca, ad esempio, è la via pedonale lungo la quale si susseguono i negozi della città, tra boutique di moda, negozi vintage, gioiellerie e ristoranti turistici. C’è la Budapest del benessere e del relax: solo poche metropoli dispongono di una “riserva” situata nel bel mezzo della città, come l’Isola Margherita, che si estende su una superficie di 92 ettari, e mette a disposizione di chi vuol rilassarsi il suo parco, il suo meraviglioso giardino di rose, una piscina, un lido, strutture sportive, un albergo per le cure termali, rovine di un monastero medievale. Se volete osservare il fiume da un’altra prospettiva salite sul Bastione dei Pescatori, situato in cima al Borgo di Buda caratterizzato da cinque torri e grandi terrazze semicircolari.

E poi, la cucina locale, abbondante e saporita. Avete mai provato il piatto tipo della capitale magiara? Allora cominciate con un gulasch bollente e colorato, e chiudete con del buon vino Tokaj, da ordinare rigorosamente in versione “dolce”. Cose ottime per scaldarsi dal freddo invernale e dalle basse temperature che incontrerete durante questo periodo.

Un’alternativa interessante è anche quella di fare una romantica crociera sul Danubio: in pochi giorni di navigazione potrete viverne sia la dolcezza Viennese sia la maestosità Ungherese, ma va bene anche una mini-crociera di una o due ore in città.

Ecco un link con tante info utili per il turista a Budapest: ufficio del turismo di Budapest (ed è pure in Italiano!).

Capodanno a Budapest

Passiamo alla sera di capodanno. Anzi alla giornata del 30 dicembre, quando cominciano i primi party organizzati che proseguono fino alla sera di capodanno. La festa più importante e di maggior richiamo è quella che si tiene ai Bagni Szechenyi, bagni termali monumentali tra i più grandi e spettacolari della città: musica, dj, giochi di luce e tantissimi giovani dai 20 ai 40 anni. Se stare a mollo nell’acqua calda insieme a un milione di altre persone non vi interessa, passiamo subito alle attrattive più tranquille.

Iniziamo dalle coppie, con qualcosa di romantico. La crociera sul Danubio con tanto di cenone a bordo è la risposta giusta. La maggior parte delle imbarcazioni lascia il porto alle prime luci della sera e a bordo vengono proposti momenti di intrattenimento con musica dal vivo (di solito le note più gettonate sono quelle di Frank Sinatra e i sound ungheresi che sono abbastanza orecchiabili anche da noi italiani). Alla mezzanotte, le navi da crociera si sistemano in modo che gli ospiti a bordo possano godere in modo ottimale dei piccoli spettacoli di fuochi d’artificio.

E i giovani? Non resteranno delusi. Terme a parte, il cuore del divertimento si divide in tre piazze diverse, tutte molto vicine l’una all’altra: stiamo parlando di Piazza Vorosmarty, Piazza Oktogon e Piazza Eiffel. Partiamo da Piazza Vorosmarty: qui viene allestito un mercatino natalizio, ideale per mangiare e bere qualcosa di caldo e veloce, senza doversi fermare ad un vero e proprio ristorante. In questa zona affluiscono migliaia di persone e dalle 22:00 in poi è molto difficile raggiungere il centro della piazza. Quasi tutti tengono in mano una bottiglia di spumante pronta per essere stappata allo scoccare della mezzanotte.

A questo punto ci sono due opzioni: o trascorrere tutta la sera in Piazza Vorosmarty, oppure muoversi verso le altre due zone dove potrete trovare anche concerti di musica dal vivo. Con una decina di minuti di cammino potrete prima raggiungere Piazza Oktogon e successivamente Piazza Eiffel. In Piazza Oktogon troverete concerti di musica dal vivo di bande ungheresi con tante persone che ballano  cantano a ritmo di musica.
Buona anche la centralissima zona di Gozsdu Udvar, cuore della movida in tutti i giorni dell’anno, con i suoi ristorantini e i locali di tendenza ricavati in antichi edifici semi-diroccati (provateli!!). Si chiamano “ruin pub” e il più famoso è senza dubbio il Szimpla Kert.

Vi aspettate fuochi d’artificio? Allora tornate in città il 20 agosto (Festa di Santo Stefano), visto che il 31 dicembre vengono allestiti piccoli spettacoli pirotecnici visibili soltanto dalle rive del Danubio. A mezzanotte infatti non viene generalmente organizzato alcun spettacolo cittadino, bensì il coro di voci ungheresi che intona il proprio inno nazionale: se in tutte le altre città i partecipanti alla festa di fine anno ridono e si abbracciano, qui cantano l’inno nazionale.


1 Commento

PER FARE UNA DOMANDA O CHIEDERE UN CONSIGLIO SUL CAPODANNO, SCRIVI IN FONDO ALLA PAGINA, O RISPONDI AGLI ALTRI MESSAGGI
  1. Idee Capodanno

    Interessante articolo che tocca tutte le principali attrazioni della Capitale Ungherese, che a nostro avviso è davvero bella, coinvolgente e socialmente viva. Saluti

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)