Home » Capodanno 2018 Italia » Capodanno in Valle d’Aosta: tra sci, terme e castelli

Capodanno in Valle d’Aosta: tra sci, terme e castelli

Capodanno in Valle d'Aosta
Capodanno in Valle d'Aosta: neve, montagne, castelli e tanta atmosfera!




La Valle d’Aosta è una regione tanto piccola quanto capace di offrire innumerevoli scenari per trascorrere una bella vacanza, sia in estate che soprattutto d’inverno, quando si offre nella sua veste più suggestiva. Certamente è consigliata agli amanti della montagna, ma non solo: si possono organizzare piacevoli gite culturali tra i famosi castelli e residenze, rilassarsi alle terme di St. Didier o ancora fare una puntatina al casinò di Saint Vincent. E non dimentichiamoci le indimenticabili sciate tra le piste dei più famosi comprensori della regione: Courmayeur, Pila, Cervinia e La Thuile. Se vi abbiamo stuzzicato l’interesse, allora andiamo a vedere tutti gli appuntamenti per il giorno di capodanno, suddivisi in 5 aree diverse, per focalizzare tutte le cose che è possibile fare in Valle d’Aosta a Capodanno!

Visita di Aosta

Capoluogo della regione, gli amanti dello sci la scelgono come punto di partenza per il comprensorio di Pila. In realtà, Aosta è molto di più e racchiude  e conserva una storia millenaria, fatta di castelli e antiche vestigia. In pochi chilometri di strada si possono visitare luoghi come la Riserva Naturale Lo Tsaten, famosa per i suoi siti archeologici e naturalistici, la Riserva Naturale Cote de Gargantua, dove si trovano numerose specie di animali, rettili e roditori e alcuni castelli come il Castello Reale di Sarre.

Durante le feste Natalizie, Aosta accoglie calorosamente i suoi visitatori, grazie al mercatino di Natale, situato nella suggestiva cornice del Teatro Romano: il mercatino viene chiamato “Marché Vert Noel” dai suoi abitanti e l’allestimento è caratterizzato da un caldo stile alpino.

Per quanto riguarda il capodanno, ci sono numerosi appuntamenti già a partire dalle ore 17:00 fino a tarda notte. I primi eventi sono dedicati soprattutto al divertimento dei bambini: di solito in piazza Chanoux si susseguono giocolieri e animatori che sorprenderanno i più piccoli. La serata si fa ancora più incandescente grazie ai dj che si alternano, uno dopo l’altro, sul palco della piazza e tra le vie del centro. Per quanto riguarda il cenone di capodanno c’è un’alternativa interessante: per chi non è amante dei lunghi veglioni, sarà contento di sapere che i locali del centro propongono bevande calde, vin brulè e piccoli menù per rifocillarsi in breve tempo. Verso la mezzanotte comincia la festa vera a propria: spesso vengono organizzate coreografie che coinvolgono tutto il pubblico, fino al brindisi di mezzanotte. Da questo momento in poi la serata continua con le note dei dj set.

Per la cena, suggeriamo di assaggiare le ottime e sostanziose specialità culinarie della zona, proposte dai locali del centro, oppure scegliere un rifugio in quota, appena sopra ad Aosta e trascorrere la serata immersi nel chiarore della neve.

Il 30 dicembre e il 31, da Aosta è perfino possibile partecipare al volo in mongolfiera: il tempo deve essere ottimale, ma può essere una buona occasione per salutare l’anno che sta per finire. Per chi è interessato a trascorrere anche solo pochi giorni tra le nevi di Aosta, c’è la possibilità di scegliere tra diversi pacchetti di capodanno: il primo appuntamento è fissato il 30 dicembre, si prosegue il 31 con il cenone in agriturismo e si finisce di festeggiare il 1 gennaio con estrema tranquillità e un’abbondante colazione. La maggior parte delle sistemazioni sono in hotel a 4 stelle di tipo cittadino: quelli in periferia sono comodi e tra le soluzioni più economiche dell’intera regione.

Saint Vincent e il casinò

Capodanno in Valle d'Aosta
Capodanno in Valle d’Aosta: neve, montagne, castelli e tanta atmosfera!

A Saint Vincent ci si viene per due motivi: per il casinò e per le terme. Non ci sono impianti di risalita: gli unici più vicini sono quelli del comprensorio del Monte Rosa, ma per arrivarci occorre prendere la macchina.
Il casinò de La Valle è considerato una delle più grandi case da gioco di tutta Europa: ogni anno richiama numerosi giocatori che si fermano per giorni interi ai suoi tavoli da black jack, poker e moltissimi altri. L’ambiente non è formale come Venezia o Montecarlo, ma è comunque raffinato ed è sempre ben vista una clientela vestita in modo adeguato. In alternativa, a Saint Vincent si può scegliere anche la tranquillità delle terme, tra idromassaggi, percorsi kneipp, docce emozionali, il tutto in un ambiente di design e modernità.

Durante il periodo delle feste Saint Vincent si avvicina anche alle aspettative dei piccoli ospiti: infatti nel centro pedonale della città viene installata una pista per il pattinaggio sul ghiaccio, dove grandi e piccini potranno divertirsi insieme. Dedicata solo ai più piccoli, invece è la giostra riscaldata, adiacente alla pista di ghiaccio.

Per quanto riguarda il 31 dicembre, a Saint Vincent, ci sono diversi modi per dare il benvenuto al nuovo anno. Ad esempio per gli amanti del veglione di capodanno è possibile partecipare al cenone che si tiene al Palais Saint-Vincent con musica e divertimento con l’orchestra Giuliano e i Baroni: consigliato ad un pubblico più maturo che preferisce una musica più soft e balli di gruppo.
E’ ovviamente possibile anche trascorrere il capodanno anche tra i tavoli da gioco: ogni anno si tengono prestigiosi appuntamenti, che culminano con le note di cantanti famosi che vi accompagneranno nel nuovo anno che sta per arrivare.
Per gli amanti del relax, c’è infine la possibilità di trascorrere il capodanno in accappatoio alle terme di Saint Vincent.

Visite ai castelli

La Valle d’Aosta è nota anche come la “valle dei 100 castelli”, che si susseguono uno dopo l’altro e dominano il paesaggio della regione. Alcuni di essi sono visitabili anche all’interno mentre la maggior parte sono chiusi al pubblico. Vista la ridotta estensione della regione, è possibile cogliere l’occasione di visitare la Valle d’Aosta per andare alla scoperta dei castelli più importanti. Vediamo quali sono. I primi castelli nacquero nel Medioevo, nei secoli VI e VII, su fortificazioni già esistenti. I signori più abbienti li costruivano per avere il massimo controllo sulle vallate sottostanti. La maggior parte di essi sono caratterizzati da un’architettura romana, con una cappella cristiana all’interno, che sottolinea il forte attaccamento alla religione. Per rispettare un’ordine cronologico, vi consigliamo di visitare prima i castelli più antichi: stiamo parlando del Castello di Graines, il Castello di Cly e Chatel Argent, tutti del periodo medioevale. Si continua con costruzioni i più recenti come il Castello di Ussei e quello di Verres, entrambi caratterizzati da imponenti fortificazioni. Caratterizzati, invece, da un’impostazione tardogotica cortese, sono i castelli di Fenis e Issogne.

Per gli amanti dei castelli ci sono pacchetti di capodanno pensati appositamente: vi suggeriamo di contattare le singole strutture.

Un appuntamento per il 31 dicembre che ci piace molto è quello che prevede una facile camminata con le ciaspole verso l’Osservatorio Astronomico di Saint-Barthélemy. Si osservano le stelle e successivamente ci si rilassa e si festeggia l’arrivo del nuovo anno in un locale convenzionato con cenone e intrattenimento di musica dal vivo.

Per gli amanti dello sci

Pila

Consigliata a chi è alla ricerca di una località sciistica facilmente raggiungibile, senza il problema di dover percorrere le strade tortuose che caratterizzano le sotto-valli della regione. La caratteristica principale di Pila è la facilità che si impiega per raggiungere il comprensorio sciistico: ci si può dimenticare dell’auto per tutta la durata della vacanza. Il centro turistico più rinomato della zona, adatto a famiglie con bambini, è il Valtour: con un trattamento tutto compreso e animazione costante, sarà il paradiso di grandi e piccini.
Ma veniamo allo sci. Dal centro di Aosta, in soli 20 minuti, si arriva sulla cima del Monte Grimond: da qui le piste si snodano tra i 1.540 m e i 2.750 m, con gradi di difficoltà sempre crescenti. Si scia su due versanti diversi, usufruendo delle 70 Km di piste a disposizione. E’ presente un parco per snowboard e freestyle e per i più piccoli c’è un mini-club sempre a disposizione.

Per quanto riguarda il capodanno, si può festeggiare in centro ad Aosta, ma ci sono anche appuntamenti nella stessa Pila molto interessanti: ad esempio, pacchetti che comprendono il cenone e la serata di capodanno in baita, raggiunta con una piacevole e faticosa ciaspolata; pacchetti per il capodanno in quota con divertente escursione con il gatto delle nevi, fiaccolata dei maestri di sci e spettacolo pirotecnico sulla neve per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno.

Courmayer

Forse la più nota località sciistica della regione: per solcare i suoi 100 Km di piste, accorrono da tutta Italia e anche dalla vicina Francia. Il paese è una piccola bomboniera, fatta di hotel e sistemazioni dedicate a chi ha un budget abbastanza elevato a cui attingere. Difficilmente si trovano sistemazioni più economiche come quelle di Pila e di Aosta. Qui tutto è pensato per l’esclusività e l’eleganza. Grazie alla funivia che parte dal centro del paese è possibile raggiungere la quota di 1.704 m : solo proseguendo si arriva alla cime del Monte Arp a 2.755 m. Da qui partono numerose piste, alcune delle quali dedicate esclusivamente agli amanti del fuori pista: stiamo parlando delle piste che scendono direttamente dalla cima del Monte Bianco. Si può salire con la nuova funivia Ski Way Monte Bianco e scendere in totale libertà tra la neve non battuta.

A Courmayeur si festeggia per le vie del centro: numerosi appuntamenti con animatori e musica dal vivo. Inoltre la maggior parte degli hotel organizzano il cenone di capodanno: si può decidere di partecipare al veglione e poi finire di trascorrere il capodanno nelle vie del centro, tra vin brulè e bevande calde. L’appuntamento, ormai fisso da molti anni, si chiama Treinadan: si festeggia dalle 18:00 alle 2:00 di notte. Tutti a spasso! C’è anche la possibilità di aderire ad uno dei numerosi pacchetti proposti da hotel e ristoranti: ad esempio è possibile partecipare all’escursione verso il Monte Bianco con la nuova funivia Ski Way, fare un’aperitivo in un castello e cenare in un ristorante convenzionato, per poi pernottare in un albergo 4 stelle. Maggiori info presso la APT locale.

La Thuile

La località sciistica adatta a tutti: le famiglie con i bambini potranno usufruire dei pacchetti all inclusive proposti dalla catena Valtur, dove i più piccoli verranno accompagnati a sciare dai maestri di sci della struttura; i più esperti saranno elettrizzati al solo pensiero di provare la pista Franco Berthod, con pendenze al 73%; gli amanti del freestyle e dello snowboard avranno a disposizione due snowpark dove divertirsi, uno sul versante italiano e uno sul versante francese. In pochi minuti e grazie ai numerosi impianti di risalita, si può scegliere su quale versante sciare. Avrete a disposizione ben 160 Km di piste, con tutte le difficoltà possibili.

Per quanto riguarda il capodanno, ci sono diversi appuntamenti. A partire dalla fine del pomeriggio verrà organizzata la fiaccolata che questa volta vedrà come protagonisti, non i maestri, ma i bambini che scenderanno dalla pista dell’Edelweiss. Alla fine della manifestazione cioccolata calda e musica per tutti! La fine dell’anno prosegue con l’appuntamento in piazza con musica anni ’70, ’80, ’90 del gruppo Nerovinile Discoband, che vi accompagneranno fino e oltre la mezzanotte. L’evento comincia a partire dalle ore 23:00, nella piazza Capoluogo.

Cervinia

Cervinia vanta un totale di chilometri di piste superiore a quello di tutte le altre località sciistiche. Se si conta la sola Cervinia i chilometri si fermano a 150, ma proseguendo sul versante svizzero, alla volta di Zermatt, si arriva a sciare su 350 Km in totale. Gli impianti di risalita non la collegano soltanto al versante svizzero, ma anche alla vicina Valtournenche.  La caratteristica principale di Cervinia e dintorni è la lunga stagione sciistica assicurata a tutti gli amanti dello sci: da ottobre a maggio gli impianti sono aperti e dove la neve si sta sciogliendo o non è ancora arrivata, la sparano artificialmente. Inoltre la maggior parte degli impianti è di nuova concezione: riscaldati, veloci e confortevoli. Per veri amanti dello sci.

Per capodanno, Cervinia si tinge a festa: numerosi gli appuntamenti, tra i quali spicca quello in piazza: già dalla prime ore della sera, animazione, musica e balli intratterranno gli ospiti fino ed oltre la mezzanotte. Un meraviglioso spettacolo pirotecnico illuminerà la vallata per dare il benvenuto al nuovo anno. Per gli amanti dello sci, c’è anche la possibilità di festeggiare in rifugio ad alta quota, arrivando alla baita con gli sci o con una ciaspolata di qualche ora: dipende dalla lontananza del rifugio!

Terme di St.Didier

A pochi chilometri da Courmayer si trova la località di Prè St. Didier, famosa per le sue terme, eleganti e raffinate. Una vacanza all’insegna del relax, del benessere fisico e mentale, lontano dallo stress delle città e inseriti in un contesto innevato e romantico. Il capodanno ideale per le coppie in cerca di tranquillità ed esclusività.
Un po’ come la vicina Courmayer, anche Prè St. Didier è considerata una meta consigliata a chi non bada a spese. Nella zona non ci sono impianti di risalita, i primi che si trovano sono quelli di Courmayer, quindi a Prè St. Didier, si viene soltanto per trascorrere un capodanno rilassante, immersi nelle acque termali. La caratteristica principale delle terme di St. Didier sono le tre piscine termali esterne: sia d’inverno che d’estate ci si può immergere nelle calde acque che sfiorano i 36°C e allo stesso tempo godere della magnifica vista del Monte Bianco. I percorsi termali si snodano tra idromassaggi, saune, percorsi Kneipp, vasche con musicoterapia e molto altro.

Per approfondire, leggete il nostro articolo sul capodanno alle terme di Pre St.Didier; in breve, possiamo riassumere che il veglione si svolge all’interno della struttura delle terme: la serata comincia con una cena a buffet e continua con alcuni trattamenti benessere. Alla mezzanotte, sarà la musica lirica a dare il benvenuto al nuovo anno. In questo contesto molto particolare, sarà tutto ancora più magico: ovviamente tutta la serata si svolgerà in costume da bagno, per un maggiore relax!


Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)