Home » Capodanno in Montagna sulla Neve » Capodanno a Cervinia e Valtournenche

Capodanno a Cervinia e Valtournenche

Capodanno a Cervinia e Valtournenche
Il monte Cervino domina il comropensorio sciistico di Cervinia e Valtournenche




A 2.000 metri di quota, ai piedi dell’inconfondibile, leggendario Monte Cervino, sorge uno dei comprensori sciistici più estesi della Valle d’Aosta: stiamo parlando di Cervinia, lussuosa città da cui partono collegamenti veloci e moderni verso il Plateau Rosa. Non solo esclusività delle strutture e modernità degli impianti: in questa zona basta indossare gli sci per usufruire di un comprensorio di oltre 350 Km che, superando il confine con la Svizzera, arrivano fino a Zermatt: il tutto con un unico skipass.

Come avrete certamente intuito, l’ambiente ricercato (e molto richiesto!) di Cervinia si paga, e anche caro: c’è poco da fare… per trascorrere una vacanza qui occorre non avere grandi problemi di budget.
Come si fa per usufruire del meraviglioso comprensorio sciistico, se si ha a disposizione un budget più limitato? Semplice, basta fare base in qualche paesino limitrofo. Il nostro consiglio: a pochi chilometri di distanza dal centro di Cervinia, sorge la caratteristica Valtournenche, piccola cittadina dove le case con gli scuri tetti in ardesia fanno da sfondo al suo raccolto comprensorio sciistico. Qui, grazie all’impianto di risalita che porta sulla cima del Salette, ci si può connettere al più ampio skirama di Cervinia- Zermatt.

Bene, ora che abbiamo visto che non è impossibile organizzare una vacanza di capodanno da queste parti, vediamo qualche consiglio utile e cosa fare il 31 dicembre.

Il comprensorio sciistico

I punti salienti che caratterizzano il comprensorio sciistico ve li abbiamo già anticipati. Se si decide si sciare soltanto sul versante italiano, i chilometri a disposizione sono 150: dirigendosi verso Zermatt, i chilometri arrivano a più del doppio. Si arriva ad un totale di 350 Km. Per permettere a tutti di viaggiare sugli innumerevoli chilometri di piste, sono stati installati dei nuovissimi impianti di risalita: la maggior parte di essi sono molto veloci, e pensate che alcuni sono addirittura riscaldati, seggiovie comprese! In questo modo, grazie alla velocità di collegamento, anche gli sciatori meno esperti avranno tutto il tempo a disposizione per godersi le piste sia sul versante italiano che su quello svizzero.

Capodanno a Cervinia e Valtournenche
Il monte Cervino domina il comprensorio sciistico di Cervinia e Valtournenche

Un’altra piacevole caratteristica di Cervinia, che ci teniamo a sottolineare, è tutto collegato “sci ai piedi”, ovvero è possibile risalire e scendere in paese senza mai togliersi gli sci ai piedi: durante il soggiorno l’auto, o un qualsiasi mezzo di trasporto, diventerà soltanto un miraggio.
Gli impianti di risalita partono dal centro e numerose piste arrivano anch’esse in centro: la più famosa, lunga 12 Km, è la Ventina: si parte a quota 3.500 m, proprio dal Plateau Rosa e si arriva fino a Cervinia. La pista è caratterizzata da muri e cambi di pendenza ed è assolutamente consigliato fare qualche sosta lungo il percorso per non arrivare a valle con… le gambe molli e senza fiato.
Tra le altre piste e collegamenti famosi del Cervinia, ricordiamo il Colle del Theodulo, la seggiovia del Pancheron e la pista Cieloalto.

Passiamo alle piste di Valtournenche, tutte raggiungibili con impianti nuovi e moderni. Il comprensorio è adatto a tutti, dai principianti ai più esperti: quest’ultimi potranno divertirsi nella lunghissima discesa del Reine Blanche, con ben 2.300 m di dislivello e una lunghezza di 20 Km. Ma se si decide di sciare nel piccolo comprensorio di Valtournenche, il numero delle piste è comunque limitato ad una ventina: sfruttando l’impianto di risalita che porta sulla cima di Salette, ci si ricollega alla pista Ventina per sfruttare tutti i 350 Km del comprensorio Cervinia-Zermatt. Se Cervinia è dedicato ai veri esperti dello sci, Valtournenche è una meta consigliata soprattutto alle famiglie con bambini, dove troveranno alcune aree gioco innevate e strutture alberghiere dedicate anche ai più piccoli.

Cervinia è famosa anche per i suoi fuoripista: grazie all’heliski (o con impegnative salite a piedi) è possibile raggiungere la sommità di alcune cime, da dove partono le tracce più famose. Tutte rigorosamente di neve fresca non battuta: anche i più esperti saranno accompagnati dalle guide alpine che consiglieranno di volta in volta le zone migliori (e più sicure) da cui scendere.

Un’ultima cosa: la stagione sciistica sul comprensorio del Cervinia-Zermatt-Valtournenche, è considerata una delle più lunghe. Qui assicurano 200 Km di piste sempre innevate e tutti gli impianti aperti da ottobre a maggio, ma spesso è possibile sciare anche in estate, sul ghiacciaio!

Come Arrivare

Anche se Cervinia si trova nella parte nord-ovest della regione della Valle d’Aosta, è facilmente raggiungibile con un mezzo proprio: basta percorrere l’autostrada A5 Torino-Aosta ed uscire al casello di Châtillon/Saint-Vincent. A questo punto la destinazione si trova dopo 28 Km, mentre se si decide di pernottare a Valtournenche, basta fermarsi 9 Km prima.

Per quanto riguarda l’aereo, gli aeroporti più vicini sono quelli di Milano Malpensa e Torino Caselle: da qui sono attivi mezzi di trasporto come transfer dedicati, autobus, taxi o auto a noleggio. Leggermente più scomodo è il treno: la stazione più vicina è quella di Saint Vincent, quindi per arrivare a destinazione dovrete comunque organizzarvi con un ulteriore mezzo di trasporto locale.

Dove dormire a Cervinia

A Cervinia si trovano numerose sistemazioni sopra la media: basti pensare che Club Med, l’esclusiva catena di resort tutto compreso, ha un hotel affacciato sulle piste del comprensorio sciistico. Per chi non ha problemi di budget e non vuole pensare a niente, soggiornare al Club Med è la scelta migliore, soprattutto per chi ha bambini al seguito: in questo modo potrete trascorrere una vacanza senza pensieri, tutto incluso, compreso lo skipass e la scuola di sci o snowboard per i piccoli.
Ovviamente c’è ampia scelta di altre strutture, più tradizionali: dagli hotel che propongono pensione completa, fino ai semplici appartamenti, dedicati a chi adora la libertà. Esiste la possibilità di dormire in un’alloggio a tema: strutture eco sostenibili, hotel dove regna la filosofia slow per godere di una vacanza a ritmi lenti, wellness hotel dotati di centro benessere, e ancora hotel dedicati agli amanti della bicicletta o a chi è alla ricerca di ambienti tradizionali.

Passiamo a Valtournenche: le strutture a disposizione degli ospiti sono un numero molto limitato e tutte con un livello massimo di 3 stelle. Ecco perché Valtournenche è consigliato a chi non vuole rinunciare ad una bella sciata sul Cervinia, senza dover spendere un’esagerazione. Anche in questo caso troverete hotel e appartamenti per tutte le tasche, ma con prezzi mediamente minori. Ribadiamo che per noi è una scelta intelligente, perché il paese è carino e le sue piste godibilissime, oltre che ben collegate al comprensorio principale.

Capodanno a Cervinia e Valtournenche

Sia a Valtournenche che a Cervinia, vengono organizzate le classiche fiaccolate dei maestri di sci: l’appuntamento è fissato rispettivamente per il 29 e per il 30 dicembre. La fiaccolata di Valtournenche è tra le più famose della zona: il 29, tutti con il naso all’insù per ammirare i maestri che scendono dallo strapiombo della “pista delle guide” con in mano la fiaccola accesa. Lo spettacolo continua con la fiaccolata per le vie del centro: al termine cioccolata calda e vin brulè per tutti. Per chi si fosse perso l’evento, questo viene replicato il 30 dicembre sulle piste del Cervinia.

Passiamo al 31 dicembre: il luogo migliore per trascorrere la notte più lunga dell’anno è senz’altro Cervinia. Gli amanti del cenone di capodanno avranno la possibilità di trascorrere il veglione all’interno dei propri hotel: per festeggiare l’arrivo del nuovo anno, la maggior parte delle strutture ricettive organizza la cena del 31 dicembre, spesso accompagnata dalle note di qualche musicista. Una volta cenato, si può decidere di festeggiare la mezzanotte in piazza: l’appuntamento principale è ai piedi delle piste in compagnia del gruppo musicale Radio Number One. L’evento musicale comincia alle 19:00 e si protrae fino alle 1:00. Allo scoccare della mezzanotte, uno spettacolo di fuochi d’artificio illuminerà la vallata.

Come la maggior parte dei comprensori sciistici più famosi, anche in questo caso c’è la possibilità di trascorrere il capodanno in quota, in un rifugio. La formula, di grande successo, è quella della salita con impianti, o motoslitta, o gatto delle nevi (dipende dal rifugio) e possibilità di scendere in notturna con sci o slittino.
Tra tutti, ricordiamo il Rifugio Guide del Cervino, aperto tutto l’anno, dove è possibile anche pernottare. Si raggiunge con gli sci ai piedi, utilizzando gli impianti di risalita del Cervinia, in direzione della cima Testa Grigia: il rifugio si trova esattamente sul confine tra Italia e Svizzera. Sempre sul versante italiano del Cervinia si ricordano il Rifugio Teodulo, raggiungibile con la seggiovia Bontadini e la funivia Plateau Rosa, e lo Chalet Plantorrette, situato all’arrivo dell’impianto di risalita Cretaz.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)