Home » Capodanno Italia » Capodanno in Abruzzo » Capodanno a L’Aquila

Capodanno a L’Aquila

Capodanno a L'Aquila, la fontana
Un particolare della Fontana delle 99 Cannelle, uno dei simboli della città de L'Aquila.



Anche se i brutti ricordi legati al terremoto sono ancora visibili, nella città de L’Aquila la voglia e il fermento per tornare alla normalità sono tangibili e presenti.
Camminando per le vie del centro storico, verrete colpiti da forti contrasti a causa del fatto che i cantieri sono ancora aperti, ma grazie ai lavori di restauro, vi accorgerete che sarà possibile scoprire e riscoprire le innumerevoli bellezze artistiche che la città ha da offrire. In breve: andate con fiducia!

Oltre alle attrattive culturali, non mancano neanche le iniziative organizzate dal comune per coinvolgere i cittadini e i turisti con feste ed eventi. Un esempio sono gli appuntamenti e le manifestazioni organizzate per il periodo di capodanno, uno su tutti il concerto atteso nel Parco del Castello.

A ciò si aggiunge il lato enogastronomico con l’opportunità di assaporare i piatti tipici locali e quelli speciali preparati per le festività natalizie, oltre alla piacevole scoperta di antiche tradizioni legate a questi particolari giorni di festa. Da non dimenticare infine, che i dintorni de L’Aquila sono rigogliosi e selvaggi, grazie alla vicinanza del Parco Nazionale del Gran Sasso. E’ per tutti questi motivi che l’Aquila è una città che vi consigliamo di prendere in considerazione per i festeggiamenti di capodanno.

L’Aquila: come organizzare la vacanza

L’Aquila e il terremoto: da sapere prima di partire

La città de L’Aquila, dopo essere stata investita dal terremoto del 2009, è ancora un grande cantiere aperto. Se ci si sofferma a guardare lo skyline della città, si nota ben presto che è costellato da gru che svettano alte sopra le impalcature e sopra le zone chiuse dai lavori di ristrutturazione.

Se la maggior parte delle abitazioni private sono ormai state ricostruite, le opere pubbliche, quali chiese e edifici storici sono ancora in fase di rifacimento, così come le case del nucleo storico della città: per questo motivo camminando per le strade del centro, oltre ad incontrare cantieri e transenne, vi sembrerà di essere in un paese disabitato. Il centro, infatti, viene animato soltanto dai ragazzi e dagli studenti universitari in cerca di movida notturna che affollano i locali del centro riaperti dopo il sisma.

Anche se i lavori per tornare ad una parvenza di normalità sono ancora molti, L’Aquila è una città dove le iniziative e gli eventi in occasione delle festività non mancano: è di questi giorni il bando rilasciato dal comune per organizzare il concerto di capodanno nel Parco del Castello.

Capodanno a L'Aquila, la fontana
Un particolare della Fontana delle 99 Cannelle, uno dei simboli della città de L’Aquila.

Dove si trova e come raggiungerla

L’Aquila è una città molto ben collegata, sia grazie alla rete autostradale nazionale, tramite l’autostrada A24 Roma Teramo, sia grazie alla ferrovia, mediante le linee che transitano per Terni e Sulmona.

Per chi utilizza l’auto e proviene da Roma il collegamento è diretto con l’autostrada, mentre per chi proviene da Napoli, dalla zona tirrenica o da Firenze deve arrivare a Roma (tramite Raccordo Anulare o bretella di San Cesareo) e proseguire per la A24; gli automobilisti che giungono da Bologna, oltre che proseguire per Firenze, possono prendere la A14 fino a Teramo dove poi continuare sulla A24.

Per chi invece predilige l’aereo, gli scali più vicini sono quelli di Roma (Fiumicino e Ciampino) e Pescara e sono collegati con L’Aquila mediante pullman gran turismo; gli autobus sono inoltre il mezzo di trasporto migliore per i collegamenti con Pescara in quanto in meno di due ore si riesce ad arrivare in pieno centro cittadino.

Dove dormire a L’Aquila

A L’Aquila vi sono molte strutture ricettive per trascorrere il capodanno in città; in pieno centro storico a 500 metri dal Duomo, l’Hotel L’Aquila, ad esempio, occupa un edificio del XVIII secolo e offre la connessione WiFi gratuita e camere con mobili di design, letti in ferro battuto mentre le suite presentano un esclusivo arredamento a tema.

Per quanto riguarda gli hotel a 3 stelle, a breve distanza da Corso Federico II, l’Hotel San Michele offre ai suoi ospiti camere completamente insonorizzate arredate con mobili eleganti, TV al plasma, connessione Wi-Fi gratuita e pavimenti in parquet scuro mentre la prima colazione con piatti dolci e salati è servita nella sala ristorazioni.

Per chi invece ama i B&B vi è la struttura Porta Bazzano che offre la connessione WiFi gratuita e camere provviste di terrazza con vista sul giardino e dotate di bagno privato con aree salotto e TV satellitare a schermo piatto, mentre la mattina coccola i propri ospiti con una tipica colazione all’italiana.

Presso Il Vicoletto ci sono una terrazza con vista sulla città, la connessione WiFi gratuita e camere con un bagno privato con vasca o doccia, set di cortesia e asciugacapelli; l’annesso ristorante permette agli ospiti di gustare le tipiche pietanze abruzzesi. Se preferite la comodità di un appartamento privato per vivere in piena libertà le vostre vacanze ci sono Le Dimore di San Domenico a poca distanza dal centro storico con comodi alloggi indipendenti adatti anche per famiglie.

Eventi di Capodanno a L’Aquila

La maggior parte degli eventi organizzati a L’Aquila in occasione del Capodanno cercano di incentivare la partecipazione dei locali e dei ristoranti del centro storico: da qui la volontà di organizzare il Capodanno diffuso con proposte pensate per ogni fascia di età. Dal pomeriggio del 31 dicembre si può prendere parte alle iniziative in Piazza Duomo, Piazza Chiarino e sotto i Portici di San Bernardino. Poi, il clou della serata inizia intorno alle 22:30 sempre in Piazza Duomo, dove sul palco appositamente allestito si alternano artisti, comici e band musicali pop e rock.

Poco prima della mezzanotte inizia il countdown con un live show che proietta immagini sulla facciata della cattedrale di San Massimo. La notte continua con musica dal vivo grazie alla presenza di un dj set. Anche a Piazza Chiarino viene allestito un palco dove lo spettacolo, gli artisti e gli eventi sono tutti dedicati ai bambini. Quest’anno è anche atteso un grande concerto presso il Parco del Castello.

Gli amanti dei balli latino americani, invece, possono darsi appuntamento sotto i portici di San Bernardino dove la festa va avanti fino a notte inoltrata. Il 1 gennaio, poi, appuntamento all’Auditorium del Parco del Castello con un concerto di musica classica per salutare il nuovo anno nel modo più tradizionale possibile.

Ma facciamo un passo indietro: gli amanti della buona cucina, ad esempio, hanno a disposizione moltissimi locali tra i quali scegliere di passare la notte di San Silvestro. Menù di carne, di pesce, piatti gourmet raffinati e gustosi o pietanze specifiche per vegetariani: c’è solo l’imbarazzo della scelta ed è sicuramente fra le soluzioni più apprezzate dalle famiglie.

Molte anche le discoteche presso le quali vengono organizzati eventi per la notte più lunga dell’anno. Si può scegliere di riservare un tavolo o un privè con cena servita e brindisi a mezzanotte, oppure si può optare per un buffet o, ancora, decidere di entrare poco prima del brindisi o subito dopo l’arrivo del nuovo anno e scatenarsi sulla pista fino all’alba. Questa è la scelta più adatta per i giovani che amano trascorrere le proprie serate ballando, mentre i giovanissimi che non vogliono spendere troppo possono optare per un discopub.

Capodanno in hotel, villa o agriturismo sono altri modi per organizzare il proprio soggiorno a L’Aquila, magari con un gruppo di amici. Tante strutture presenti nella città de L’Aquila e nelle sue vicinanze organizzano la notte del 31 dicembre con musica dal vivo, cabaret, piano bar, balli ed animazione per bambini, il tutto accompagnato da piatti della cucina tipica locale.

Cosa Vedere e Cosa Fare a L’Aquila

Il rilancio della regione e della città de L’Aquila in particolare, rende molto interessante organizzare un Capodanno diverso dal solito alla scoperta di questo territorio, estremamente ricco di storia e cultura che né il tempo né le difficoltà sono riusciti a cancellare.

La visita della città può iniziare percorrendo le sue strade, restituite ai cittadini ed ai turisti dopo il sisma del 2009. La Fontana delle Novantanove Cannelle, del 1292, è il simbolo de L’Aquila ed è formata da 99 mascheroni in pietra ognuno dei quali rappresenta uno dei castelli che, nel XIII secolo, parteciparono alla fondazione della città.

Nel periodo festivo è possibile visitare la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, particolarmente interessante poiché vi si trova la prima Porta Santa. La chiesa fu costruita alla fine del 1200 da quello che poi sarebbe diventato papa Celestino V. In pieno centro città si trova la Basilica di San Bernardino, ricostruita totalmente agli inizi del 1700 in stile barocco. Piazza del Duomo è il fulcro de L’Aquila ed è qui che vengono organizzati i principali eventi ed i cittadini usano incontrarsi e trascorrere il loro tempo libero.

Spostandovi da qui verso Collemaggio dovete passare per Costa Masciarelli la strada più pittoresca di tutta la città dove vale la pena soffermarsi un po’ più a lungo per catturare anche gli angoli più nascosti.

Da vedere nei dintorni

I luoghi ed i borghi nelle immediate vicinanze de L’Aquila sono altrettanto interessanti da visitare e le feste di Capodanno possono essere un’ottima occasione per partire alla loro scoperta. Barrea è un grazioso borgo di montagna, costruito su uno sperone roccioso e caratterizzato da case in pietra e vicoli che si inerpicano sempre più in alto. Si trova vicino alle gole del Sangro e proprio dal centro abitato partono itinerari naturalistici che conducono negli angoli più belli del Parco Nazionale d’Abruzzo: il lago Vivo, il lago Pantaniello o il Rifugio di Forca Resuni.

Campo di Giove è un altro dei borghi di montagna più interessanti del territorio e si trova a ridosso del valico tra la Majella ed il Morrone. Si può programmare una gita soprattutto nelle giornate più limpide perché da qui gode di splendidi panorami che spaziano dal Gran Sasso, al Monte Velino alla Valle Peligna. Il borgo antico è interessante da visitare per la presenza di palazzi antichi e chiese che ospitano opere d’arte di particolare pregio.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)