Home » Capodanno in Montagna » Capodanno Alpi Occidentali » Capodanno a Livigno: rifugi e sci!

Capodanno a Livigno: rifugi e sci!

Capodanno a Livigno sulla neve
Capodanno a Livigno: qui la neve è sempre abbondante!



Livigno è una stazione sciistica dell’Alta Valtellina, situata a 1.800 metri sul livello del mare nella zona nord della regione Lombardia ed è il comune più alto d’Europa dopo Trepalle, che è proprio la sua frazione adiacente. Per la sua posizione “difficile”, isolata in una piccola vallata di confine, all’estremo Nord dell’Italia, e per il suo clima molto rigido, è una località molto particolare, interessante, e piacevole.

Livigno: come organizzare la vacanza

Dove si trova e a chi è consigliata

Il paese di Livigno è stato pian piano costruito nella sua bella vallata lunga 12 Km che corre accanto al fiume Spol incastonato tra i monti delle Alpi Livignasche. La fama di Livigno non è legata soltanto alle numerose piste da sci, ma anche al fatto che è stata ed è tutt’oggi zona extra-doganale dove è possibile fare buoni acquisti esenti IVA e di prodotti dove vige il monopolio di stato quali sigarette, alcool, zucchero e benzina, sebbene con specifiche limitazioni.

Grazie quindi anche ai vantaggi fiscali che hanno portato in questa remota località molti investitori e visitatori, dagli anni ’50 ad oggi Livigno ha accresciuto la sua vocazione come località turistica sia invernale che estiva, ed ha incrementato considerevolmente la sua ricettività ed il numero di turisti che ogni anno vi si recano per sfruttare gli oltre 115 Km di piste da sci e i 40 Km di piste da fondo.

Oltre alle famiglie, negli ultimi anni Livigno è inoltre meta di un turismo giovane anche estero che, attratto dalle numerose iniziative, si reca qui per sciare e trascorrere il capodanno in compagnia.

Capodanno a Livigno sulla neve
Capodanno a Livigno: qui la neve è sempre abbondante!

Come raggiungere Livigno

Come dicevamo, la sua posizione è decisamente scomoda e fuori mano, per questo ebbe lo status di zona extra-doganale, altrimenti data la sua particolare logistica, sarebbe diventata una zona fortemente depressa, per non dire abbandonata, per fortuna la storia è andata decisamente in un altro verso!

In inverno Livigno è raggiungibile tramite il Passo del Foscagno venendo dall’Italia e più precisamente da Bormio e dal Tunnel Munt La Schera se provenite dalla Svizzera, direzione St. Moritz dal quale dista soltanto un paio d’ore. L’altro passo dal quale è raggiungibile Livigno, il passo della Forcola, è chiuso in inverno, quindi non utilizzabile nel periodo di capodanno.

Sia che scegliate il Passo del Foscagno, sia che passiate dal tunnel svizzero, sappiate che al ritorno ci sarà la probabilità di essere fermati alla dogana per dichiarare se avete fatto acquisti in paese: siate sinceri e rispettosi dei quantitativi ammessi di beni trasportabili, perché le perquisizioni sono cosa normalissima!

Dove dormire a Livigno

Il paese di Livigno è diviso in contrade ed il suo centro, dove si snodano numerosi negozi dove fare acquisti e chiuso al traffico automobilistico, è chiamato semplicemente Centro. In questa parte di Livigno si concentrano la maggior parte degli hotel e appartamenti, i cui prezzi sono leggermente più alti rispetto a quelli che troverete in periferia: infatti proprio a fianco delle strade del centro partono i maggiori impianti di risalita verso la stazione sciistica Costaccia che è collegata al Carosello 3000, la vetta più alta di Livigno, dal quale si dipanano le varie piste da sci.

Le altre zone dove vi consigliamo di soggiornare per essere vicini alle piste da sci, sono Saroch, da dove parte la funivia del Carosello 3000 e in Teola, zona più alta rispetto alla valle di Livigno, da dove parte la funivia che vi porterà in cima al Mottolino, monte opposto al Carosello 3000, al quale purtroppo non è collegato se non tramite la rete stradale. Da anni c’è in progetto la costruzione di una funivia di collegamento tra i due versanti, ma ancora oggi non è stata neanche progettata: quindi ogni giorno dovrete scegliere se sciare nella zona del Mottolino o nella zona del Carosello 3000, oppure prendere uno skibus di collegamento.

Fortunatamente una cosa che a Livigno non manca sono i trasporti pubblici, sempre gratuiti e puntuali che vi porteranno da una zona all’altra della città. Se cercate una zona tranquilla, lontana dal centro, vi consigliamo la zona dell’Ostaria che ancora non è stata invasa dal turismo di massa, ma conserva quella calma che contraddistingue i montanari di queste zone.

Livigno: dove sciare?

Il comprensorio sciistico si estende su due versanti diversi e conta in totale 115 chilometri per 31 impianti di risalita totali. Come abbiamo detto, anche se il progetto di unire i due versanti sembra che sia in fase di studio da anni, ancora non ci sono state novità in tal senso: quindi per sciare sul versante del Mottolino e poi passare a quello del Carosello 3000 occorre ancora togliersi gli sci e fare un tratto di strada a piedi, con mezzo privato o con i mezzi pubblici.

La maggior parte delle piste sono rosse e blu, perfette per i principianti e divertenti per i più esperti. Per chi volesse provare una nera dovrà recarsi sul versante del Carosello 3000 dove troverà la Zuelli, mentre sul versante del Mottolino, si potrà confrontare con la pista del Monte della Neve. Inoltre, una volta la settimana, avrete la possibilità di sciare dopo cena, visto che l’impianto della seggiovia n.23 del versante Costaccia resterà aperto fino alle ore 22:00, illuminando ottimamente la breve pista.

Se avete bambini al seguito che devono ancora imparare a sciare o se avete intenzione di frequentare una scuola di sci, sappiate che non avrete problemi a trovarne una disponibile proprio ai piedi della stazione Costaccia, dove potrete scegliere tra la Scuola Azzurra,  la Scuola Italiana Sci ed altre. Qui avrete a disposizione maestri che sapranno insegnarvi lo sci alpino, ma anche il fondo, il freestyle, il telemark e lo snowboard. Tra l’altro, proprio sulle piste di Livigno è nato il campione del Mondo Giorgio Rocca e le due pattinatrici di short track, Katia e Maria Zini.

Oltre allo sci…

A Livigno le attività non mancano, infatti oltre al classico sci alpino e sci di fondo, troverete zone attrezzate per il freestyle e due attrezzatissimi snow park, uno sul versante del Carosello 3000 e l’altro sul versante opposto, quello del Mottolino.

Se non sciate potrete optare per i percorsi con le ciaspole per fare delle belle escursioni nei dintorni, oppure, simile, potrete dedicarvi al Nordic Walking. Se siete tipi tosti e queste camminate non vi interessano, potrete contattare le numerose guide alpine per una escursione, della durata di un paio d’ore fino a diversi giorni sulle vette livignasche.

Se dopo una lunga sciata cercate qualcosa per rilassarvi, la nuova piscina comunale Aquagranda è quello che fa per voi: perfetta sia per le coppie che per le famiglie che potranno usufruire di spazi diversi e dedicati, come la zona termale riservata agli adulti e la parte Fun con scivoli e piscine per grandi e piccini. Per una bella merenda, vi consigliamo di andare alla Latteria di Livigno dove potrete assaggiare dolci e torte fatte con il latte delle mucche di Livigno.

Capodanno a Livigno, le piste
Le bianchissime piste di Livigno, sempre piene di neve nel periodo di Capodanno.

Eventi di Capodanno a Livigno

A valle

Secondo il portale Trivago, Livigno è annoverata nella top-ten delle migliori città italiane dove trascorrere il capodanno grazie agli innumerevoli eventi offerti per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Tutto comincia con una bella sciata pomeridiana che culmina con la tradizionale fiaccolata dei maestri di sci che scendono lungo il pendio del Costaccia, per andare a festeggiare con i turisti la fine dell’anno assieme ad un bicchiere di Vin Brulè.

Sarà il freddo intenso di queste parti ma è davvero suggestivo ammirare la lenta fiaccolata che illumina il pendio. Dopo aver ammirato la fiaccolata, potrete spostarvi in uno dei molti ristoranti della zona che organizzano il veglione di capodanno: potrete assaggiare le specialità tradizionali valtellinesi come i pizzoccheri, gli sciatt e la polenta taragna, o ancora la slinzega e la carne di cervo e lo Scimudin o il Bitto per quanto riguarda i formaggi.

Se siete rimasti in paese a godervi il cenone, ma volete continuare i festeggiamenti di capodanno fino alle prime luci del mattino, potrete dirigervi verso le discoteche del paese, il Cielo, il Marco’s Pub e il Miky’s Pub, dove oltre a consumare ottima birra locale potrete ballare sulle note di Dj scatenati. Se cercate qualcosa di leggermente più ricercato ed esclusivo, vi consigliamo di dirigervi verso il Bivio, situato nel centro di Livigno, locale molto trendy, per partecipare ad una festa meno caotica ma comunque coinvolgente.

Nei rifugi in quota

Se avete intenzione di trascorrere il veglione in un locale e continuare i festeggiamenti ben oltre la mezzanotte senza mai spostarvi, vi consigliamo di contattare il rifugio di Camanel di Planon nella zona del Mottolino a 2.400 m di altezza dove potrete vivere un vero e proprio capodanno in quota: dalla terrazza del rifugio potrete ammirare il suggestivo paesaggio illuminato del paese sottostante. Poco distante, il grande rifugio M’Eating Point, più semplicemente conosciuto come “Mottolino”, organizza pazze serate nelle sue enormi sale in stile.

Sempre ad alta quota, ma dalla parte opposta del versante, nello Stalet del Carosello 3000 viene organizzata una festa con buffet, musica dal vivo e spettacolo pirotecnico con Dj set locali che vi accompagneranno fino all’alba.

Contatti e prenotazioni

Per maggiori informazioni, fate riferimento al completissimo sito ufficiale di Livigno dove potrete trovare i contatti utili per le prenotazioni e altre indicazioni su come organizzare la vacanza.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)