Home » Capodanno in Montagna » Capodanno Alpi Orientali » Capodanno a Fiera di Primiero

Capodanno a Fiera di Primiero

Capodanno a Fiera di Primiero
I bellissimi monti che contraddistinguono l'area turistica di Fiera di Primiero.



Fiera di Primiero è una meta turistica del Trentino Alto Adige, apprezzata sia in inverno che in estate. Alle pendici del Monte Bedolé e delle scenografiche Pale di San Martino, il paesino è caratterizzato dall’essere tipicamente alpino. La sua origine è medioevale, mentre più tardi le valli di Primiero furono governate dall’Impero Austriaco che sfruttò sapientemente le tante miniere presenti sul territorio come quelle di ferro, rame ed argento.

Ed è proprio a Primiero che si trovava il Bergrichter, ossia il Palazzo delle Miniere da dove sovraintendeva un giudice nominato dall’Imperatore d’Austria. Oggi di questo periodo rimane la presenza della Pieve in stile gotico, il Palazzo delle Miniere e la piccola chiesa si San Martino. E’ in questo piacevole contesto che potrete decidere di trascorrere il periodo di capodanno, tra monti innevati e una cittadina ricca di storia.

Fiera di Primiero: come organizzare la vacanza

Dove si trova e come raggiungerla

Fiera di Primiero si trova nella parte orientale del Trentino. La Valle omonima raccoglie tre comuni che sono Primiero-San Martino di Castrozza, Mezzano e Imèr. La località più famosa della zona è senza dubbio la stazione sciistica di San Martino di Castrozza distante solo 14 km da Primiero lungo la statale 50 verso Passo Rolle.

Per raggiungere la località ci sono diverse soluzioni. Vediamole insieme. Chi arriva in automobile potrà percorrere l’A13 Bologna-Padova, uscendo a Padova Sud o Padova Ovest e poi proseguendo attraverso la SS47 della Valsugana verso Trento fino a Cismon del Grappa; oppure la SS50 in direzione Primiero; oppure con la SS50 bis direzione Belluno fino ad Arten.

Altrimenti è possibile percorrere la A14 Torino-Trieste uscita a Vicenza e A31 Vicenza-Valdastico con uscita a Dueville e poi SS47, SS50 oppure con la SS50 bis. Dalla A22 Modena-Brennero si esce a Trento Sud e si prosegue su una delle tre statali. Da Egna/Ora si imbocca la SS48 direzione Val di Fiemme fino a Predazzo; oppure la SS50 direzione Passo Rolle.

In treno è possibile appoggiarsi alla stazione di Feltre e utilizzare il collegamento in bus con la Trentino Trasporti che parte dal piazzale della stazione; altrimenti scendere alla stazione di Trento e sfruttare il collegamento in bus per Primiero con partenza dalla autostazione. Infine dalla stazione di Egna/Ora c’è il collegamento in bus con la Trentino Trasporti che parte dal piazzale della stazione.

Capodanno a Fiera di Primiero
I bellissimi monti che contraddistinguono l’area turistica di Fiera di Primiero.

Dove dormire nella zona di Fiera di Primiero

La zona di Fiera di Primiero offre tante soluzioni per pernottare, dai classici hotel, fino agli appartamenti, anche se sono molto diffusi i bed&breakfast. Tra tutte le strutture ne abbiamo selezionate alcune che ci sono piaciute.

L’Hotel Mirabello è un 4 stelle che si trova in Viale Montegrappa, 2. La struttura di lusso annovera un Centro Wellness ottimamente equipaggiato dove è possibile vivere ogni comodità grazie ad una capiente vasca idromassaggio, una piscina indoor, la sauna, il bagno turco e un servizio massaggi su richiesta. Le camere sono modernamente arredate tutte con balcone panoramico con vista monti e fiume, TV Sat, connessione Wi-Fi free, bagno privato corredato di kit di cortesia. All’interno si trova il ristorante dove effettuare la colazione e la cena e dove vengono proposti menù con prodotti locali. Parcheggio, noleggio biciclette, deposito per attrezzature da sci sono gratuiti. L’hotel vende anche ski pass per il comprensorio. La fermata del pullman che collega il paese con San Martino (a 10 km) è proprio accanto all’hotel.

L’Hotel Astoria è un tre stelle ubicato in Viale Italia 2, proprio all’interno dell’isola pedonale di Fiera e quindi in pieno centro, la struttura sorge proprio sulla riva del fiume Cismon. Le camere e gli appartamenti dispongono di balconi panoramici con vista sulle Pale di San Martino: sono modernamente arredate e dotate di bagno privato, TV, cassaforte. L’hotel presenta anche una spa & centro benessere, un ristorante e un bar oltre ad un vasto solarium. La connessione Wi-Fi presente nelle aree comuni è gratuita così come il parcheggio auto e lo skibus che, a soli 50 metri dall’hotel, garantisce corse fino al comprensorio sciistico di S. Martino di Castrozza. Sono ammessi i piccoli animali.

Il B&B Maso al Cervo Loc. Guastaia si trova ad un quarto d’ora di auto da Fiera di Primiero e a solo 10 km da San Martino di Castrozza. Tipicamente alpina è la sua struttura che offre camere confortevolmente arredate e corredate di TV Led, bagno privato con doccia, set di cortesia e accappatoi. Parcheggio e deposito bagagli sono gratuiti. La prima colazione è a buffet con scelta di prodotti sia dolci che salati comprendenti specialità del territorio.

Eventi di Capodanno a Fiera di Primiero

E’ ormai una tradizione quella di girare per i Mercatini di Natale in Trentino. Il fatto di essere così caratteristici ed affascinanti, li rende magneticamente attrattivi agli occhi di turisti e visitatori: Bolzano in piazza Walther, Bressanone in piazza Duomo, Brunico in via Bastioni, Parco Tschurtschenthaler & OberstadtMerano presso passeggiata lungo il Passirio, piazza Terme, piazza della Rena, Vipiteno presso Centro Cittadino sotto la Torre dei Dodici Trento in piazza Fiera e piazza Cesare Battisti, sono i più famosi della regione e facilmente raggiungibili anche da Fiera di Primiero.

A Fiera di Primiero si terrà, come ogni anno, la Fiera del Natale. Si tratta non solo di uno scenografico allestimento natalizio nel centro storico ma anche di una fiera con esposizione di casette, intrattenimento musicale, animazione e laboratori per bambini.

Per il Capodanno a Primiero, tutta l’intera vallata sarà coinvolta nei festeggiamenti per l’inizio del nuovo anno. Molto suggestiva risulta essere la fiaccolata che scende dal Colle delle Strine fino a giungere ai prati della campagna di Primiero e che, come tradizione vuole, terminerà con un grande falò in cui un fantoccio fatto di legno e stracci sarà bruciato come buon auspicio per l’anno che verrà. Alla mezzanotte, lo spettacolo di fuochi d’artificio illuminerà la vallata, nel mentre verranno serviti vin brulè e brazedel.

Oltre agli eventi rappresentati dai cenoni organizzati da ristoranti, alberghi e locali, chi decide di attendere il Capodanno in piazza, potrà spostarsi verso Trento dove in Piazza Fiera la sera di San Silvestro avrà inizio la tradizionale festa che sarà animata da vari punti ristoro. A Levico Terme, invece, la festa comincia già nel pomeriggio con appuntamenti immancabili nel calendario del territorio come la Fiaccolata dei Quartieri, il Processo Teatrale di Fine Anno e soprattutto il Brusar la Vecia: si tratta di una tradizione che vede bruciare un fantoccio avente le fattezze di una strega con il quale si vuol dire addio a tutte le cose brutte vissute durante l’anno che termina. Subito dopo, grande spettacolo di fuochi d’artificio, musica, balli e brindisi in piazza.

In Val di Non, precisamente a Coredo, il Capodanno è identificato come la Festa di Capodanno Ufficiale della Valle di Non, che si tiene sulle piste della Predaia. La kermesse vede la partecipazione di tantissime persone che arrivano da tutta Italia. Le piste da sci vengono illuminate a giorno e gli impianti dello snowpark sono attivi fino all’alba, permettendo a chi vuole divertirsi con slitte e gommoni di fare acrobazie sulla neve. Inoltre non mancano i fuochi d’artificio e tanta musica.

Cosa Vedere e Cosa Fare nella zona di Fiera di Primiero

Il tessuto urbano di Fiera di Primiero è quella tipica degli antichi borghi tirolesi. Da visitare la Chiesa della Madonna dell’Assunta in stile gotico che risulta essere una delle più belle del territorio. Al suo interno richiama l’attenzione il quattrocentesco polittico ligneo e un affresco in onore della potente famiglia dei Römer.

Altra meta da conoscere è il palazzo del Dazio delle Miniere, dove risiedeva il magistrato che sovraintendeva l’ufficio delle imposte. Lo stile del palazzo è austriaco, caratterizzato da feritoie e bifore. Proprio al suo fianco si trova la piccola chiesa romanica dell’anno Mille dedicata a San Martino. Caratteristico è l’Hotel Orsingher, che pur ristrutturato diverse volte, mantiene lo stile medioevale del Quattrocento, secolo nel quale il palazzo venne edificato.

Da vedere nei dintorni

Chi desidera concedersi una gita per conoscere il territorio circostante, potrà percorrere la Strada dei formaggi delle Dolomiti che si addentra attraverso la Val di Fassa, la Val di Fiemme ed il Primiero. Oltre a vedere luoghi ricchi di attrattive naturali sarà possibile degustare dei formaggi ottenuti con i metodi di un tempo: dal Puzzone di Moena al Caprino di Cavalese. Non può mancare di fare visita alla spettacolare San Martino di Castrozza, ideale stazione invernale che ha fatto la storia del turismo in questo territorio, perfetta per chi vuole concedersi una sciata di capodanno.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)