Home » Capodanno in Europa » Capodanno nelle Capitali Europee » Capodanno a Istanbul, capitale della cultura

Capodanno a Istanbul, capitale della cultura

Istanbul la sera di capodanno
Istanbul la sera di capodanno



Sapevate che Istanbul è stata dichiarata una delle capitali europee della cultura per il 2010? Questo vi dovrebbe far capire che sono tanti i motivi per trascorrere la notte che saluterà il nuovo anno proprio in questa città, l’unica al mondo situata su due continenti, l’Europa e l’Asia! Istanbul, la maggiore città della Turchia, vi confermerà il suo fascino di città sospesa tra un passato multiforme, dove si incontrano elementi latini, greco-ortodossi e arabi, ed un futuro che sempre di più vuole assumere i connotati europei.

Consigli utili per il viaggio

Voli: come arrivare

Per quanto la distanza dall’Italia non sia maggiore delle altre capitali europee, organizzare un viaggio ad Istanbul richiede un po’ più di attenzione e di spesa, a causa di trasporti di certo non efficienti come a Parigi o a Londra, e ad un certo sovraffollamento sia di abitanti che di turisti. La meta è comunque sicura, stando ovviamente attenti alle cronache per eventuali periodi di fermenti e proteste politiche. Per recarsi ad Istanbul date un’occhiata ai voli di Turkish Airlines e altre compagnie di linea, dato che le varie compagnie low-cost per adesso ignorano la capitale Turca. Spenderete di più, ma volerete con una delle compagnie europee riconosciute tra le migliori (e scommetto che questo vi sorprende, vero?!).

Per i transfer da e per l’aeroporto prenotate per tempo una vettura privata (ci sono numerose agenzie), mentre per spostarvi nella grande città, priva di metropolitana, userete la fitta rete di tram.

Il capodanno a Istanbul
Il capodanno a Istanbul: un romantico tramonto sul Bosforo

Dove dormire

Pochi problemi invece per gli hotel, l’offerta è ampia e i prezzi onesti. Vi consigliamo di optare per un hotel centrale e concedetevi il lusso di una camera panoramica: è facile trovarne grazie alla conformazione della città e la vista sui minareti o sul Bosforo, specialmente al tramonto, varrà da sola il viaggio!
Se preferite rinuncia al “fai da te ” per questa meta, sappiate che praticamente tutti i tour operator offrono proposte di vario tipo: un viaggio di 4 giorni con volo, hotel, cenone di capodanno e trasferimenti costa meno di 500,00 euro a persona (date un’occhiata a Blu Flamingo, specializzata in viaggi in Turchia e anche a Bustravel, Tui, Boscolo e Alpitourworld).

Cosa vedere e fare

La città, come avrete intuito, è molto grande e molto caotica, ma ricca di storia e di cultura e ci sono davvero tanti edifici da ammirare: le moschee, come la bellissima moschea Blu, o quella, altrettanto stupenda ma forse meno conosciuta di Solimano; le chiese, in primis la Basilica di Santa Sofia, famosa per i dipinti e i mosaici interni di origine cristiana; la torre di Galata, l’antica colonia genovese sul Corno d’Oro, dalla quale si ha un panorama strepitoso su tutta la città. Da non perdere il Topkapi, il palazzo del sultano, con il suo harem e l’annesso museo dei gioielli: i diamanti che si vedono sono indescrivibili!

Per chi ama lo shopping il Gran Bazar è un luogo imperdibile, dove lasciarsi inebriare dall’aroma delle spezie e dalla fragranze dei profumi. Qui un tempo vigeva la contrattazione ad oltranza, oggi purtroppo non vi si fanno affari migliori rispetto ai negozi delle altre vie, ma il fascino è rimasto. E poi c’è il protagonista indiscusso della storia e della vita di Istanbul: il Bosforo, con i suoi colori e le sue atmosfere. Un giro in barca sul Bosforo è un’esperienza unica, potete scegliere tra molte proposte dei battelli direttamente agli imbarcaderi. Noi vi consigliamo di scegliere uno dei giri più completi, da mezza giornata, concedendovi una ampia sosta nella parte asiatica della città, meno turistica e per certi versi ancora più suggestiva.

La lista che vi abbiamo proposto è decisamente riduttiva e alla rinfusa, dato che le cose da fare e da vedere a Istanbul sono davvero tante e meritano molti giorni di permanenza. In 3 o 4 giorni visiterete giusto le cose principali, complici anche le sempre presenti code all’ingresso di ogni palazzo o monumento. Anche se la frenesia di vedere quante più cose probabilmente avrà il sopravvento, dovreste riuscire a ritagliarvi dei momenti di contemplazione, magari al tramonto, e ovviamente dovrete dedicare il giusto tempo alla… ricca cucina locale!

Se la parola kebab vi fa venire in mente i fast food turchi Italiani, generalmente di bassa qualità, qui scoprirete invece che il kebab è un piatto molto ricco e vario, del quale in Italia conosciamo solo la variante “doner”, quella da asporto. Il kebab è infatti un piatto di carne (agnello, manzo, ecc.) cucinata in vari modi, alla griglia o in umido, comunque molto speziata, e accompagnata da verdure, riso e salse, a fantasia del cuoco: viene servito a tavola in grandi piatti e scoprirne di nuove varianti è l’hobby preferito di turisti e locali all’ora di pranzo…

Capodanno a Istanbul

Ma veniamo al capodanno. Ad Istanbul vi consigliamo di festeggiare in maniera internazionale, in uno dei molti bei locali che organizzano il veglione. I più belli sono quelli che hanno vista panoramica, per lo più sui roof garden degli hotel, ma non mancano i ristoranti di livello. Tra i migliori ristoranti ricordiamo il “360 Istanbul”, dal quale si può ammirare uno stupendo panorama del Bosforo, il “Vogue”, il “Reina” ecc. I prezzi sono cari, ma accettabili rispetto ai nostri standard. Ribadiamo sull’aspetto panorama perché è davvero il plus in più di questa città. Alla mezzanotte ammirerete poi i fuochi sparati da ogni dove in città, ma specialmente dal mare, direttamente dalle navi che sono solite festeggiare con i razzi di segnalazione!

Tra gli hotel dove si fanno dei festeggiamenti, vi consigliamo alcuni 5 stelle:  il “Marmara”, lo “Sheraton”, l’Hilton, ecc. Allo Sheraton, per dare un’idea, il costo del veglione si aggira intorno ai 100,00 euro per persona e sembra che questo albergo sia molto gettonato dagli italiani.

Se invece volete spendere meno, potete scendere nella giovane e “occidentale” piazza Taksim, uno dei cuori pulsanti della città, che a partire dalle 5 di sera si riempie di giovani pronti a far festa (a volte c’è un po’ di ressa, quindi, attenti agli scippi). Se si sceglie questa opzione, ricordatevi di coprirvi bene, visto che ad Istanbul la temperatura d’inverno scende sui 3-4 gradi e non è infrequente che nevichi!


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)