Home » Serata di Capodanno » Capodanno in altre Culture » Capodanno Cinese: quando sarà, dove si festeggia

Capodanno Cinese: quando sarà, dove si festeggia

La festa del capodanno Cinese
Una festa del capodanno Cinese in una città Occidentale



Il capodanno cinese è la più importante festività della Cina e prende il nome di Festa di Primavera. Il prossimo si svolgerà il 5 febbraio 2019. L’ultimo è stato il 16 febbraio 2018.

A differenza del nostro capodanno, fissato nella notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, la festività cinese non ha una data fissa, ma varia in base al calendario lunare, oscillando tra la fine di gennaio e la fine di febbraio. Con il nostro capodanno ha in comune il significato: in entrambi i casi, infatti, viene chiuso un ciclo per aprirne uno nuovo, pieno di nuovi propositi.

Cos’è il capodanno cinese, e perché si festeggia

Il capodanno cinese è una festività che ha più di 4.000 anni di storia. Sancisce la fine di un anno di duro lavoro e inaugura l’inizio di quello nuovo: in questa fase di transizione e di passaggio da vecchio al nuovo, i cinesi trascorrono la maggior parte del loro tempo in famiglia, cercando di rilassarsi e riposarsi il più possibile. Quindi oltre a segnare l’inizio di un nuovo ciclo, il capodanno cinese è anche un’occasione per riunirsi con la propria famiglia e trascorrere del tempo insieme.

Durante questi giorni di festa, i cinesi fanno visita ai parenti scambiandosi doni ed auguri: migliore sarà l’inizio dell’anno e ancora più prospero sarà il nuovo ciclo lavorativo che sta per cominciare.

La festa del capodanno Cinese
Una festa del capodanno Cinese in una città Occidentale

Quando si festeggia il Capodanno Cinese

La festività del capodanno cinese varia in base al calendario lunare e quindi le date del capodanno cinese cambiano ogni anno, ma di solito cade nel periodo compreso tra il 21 gennaio e il 20 febbraio, durante la seconda luna piena che segue quella del 21 dicembre. Scendendo ancora più nel dettaglio, il capodanno cinese cade il quindicesimo giorno del primo mese lunare. La festività dura 15 giorni e termina con la festa della lanterne.

Nell’arco di questi 15 giorni, soltanto 7 sono considerati una vera e propria festività con scuole ed uffici chiusi: se pensate di organizzare un viaggio in Cina durante questo periodo per immergervi nel folklore e nelle tradizioni, dovrete mettere in conto una vera e propria folla di persone che si mette in moto per raggiungere i propri cari.

I due giorni clou della festività sono la vigilia e il capodanno vero e proprio: nel primo caso si cena in famiglia e si cerca di sbarazzarsi delle cose vecchie che possono inficiare i buoni propositi per il nuovo anno, mentre nel secondo caso, il giorno di capodanno, si esce di casa e si va a fare visita ai parenti scambiandosi auguri di buon auspicio.

Il capodanno cinese nel 2019

Quest’anno, 2018, il capodanno cinese cade il 5 febbraio. I cinesi salutano l’anno del Gallo (2017), passano per l’anno del Cane (2018) ed inaugurano l’anno del Maiale (2019).

Come si svolge il capodanno Cinese

I cinesi sono molto superstiziosi! Per questo sono tantissimi i rituali e le tradizioni legati al capodanno cinese: in ogni caso tutti concorrono a liberarsi del vecchio per abbracciare il nuovo nel migliore dei modi. Il giorno della vigilia viene organizzato il cenone di capodanno, rigorosamente da trascorrere in famiglia. Durante la cena vengono scambiati doni e regali, assolutamente avvolti con la carta rossa. Perché il rosso? Secondo i cinesi è un colore portafortuna e sarà di buon auspicio per tutto ciò che si augurano per l’anno nuovo. Non solo i regali tradizionali cinesi sono avvolti con la carta rossa, ma anche le strade e i portoni vengono addobbati con lanterne e cartelli rossi.

E a proposito di rosso e di regali, sappiate che il più gradito sono le famose “buste rosse”: tradizionali buste di carta contenenti soldi, molto usate come regalo aziendale e in famiglia tra parenti. Quanto inserire? Tutto va bene, purché le monete o le banconote, siano in numero pari!

Durante questi giorni di festa vengono organizzate anche sfilate e feste: le più importanti sono la Danza del Drago e l’ancor più evocativa Danza del Leone che vengono svolte nei templi o nei parchi cittadini come nel caso di Pechino, dove la folla è talmente tanta da non poterla raccogliere in spazi chiusi e ristretti. Esattamente come gli occidentali, anche i cinesi hanno l’usanza di scoppiare i fuochi artificiali allo scoccare della mezzanotte che ovviamente hanno il forte significato di dare fine all’anno vecchio ed inaugurare quello nuovo.

Durante tutto il periodo dei festeggiamenti tradizionali cinesi, i cinesi si recano nel tempio a pregare, indossano biancheria rossa, evitano di piangere, non si lavano i capelli nel primo giorno del capodanno e non puliscono la casa sia il primo che il secondo giorno del capodanno. Se non seguono questi rituali, non potranno auspicarsi un buon anno nuovo!

Lo scambio dei regali

Ma cosa si regalano i cinesi durante il capodanno? Non importa acquistare doni particolarmente costosi: basta il pensiero, ma deve essere quello giusto. Sarebbe un guaio sbagliare il regalo o avvolgerlo con la carta di un colore diverso dal rosso. Ad esempio, i bambini adorano ricevere giocattoli, vestiti, oggetti utili per la scuola e caramelle. Per gli adulti, un regalo azzeccato può essere un set per il tè, oppure un bel cesto di frutta per augurare abbondanza e prosperità. Gli anziani, certamente apprezzeranno abiti caldi per l’inverno.

Da non regalare assolutamente sono le collane e tutto ciò che va intorno al collo, se chi riceve il regalo non è il partner, qualsiasi cosa sia bianca o nera perché ricorda i funerali e i cappelli di colore verde perché significano infedeltà.

Capodanno Cinese, una famiglia
Il rituale della vigilia di Capodanno in una famiglia cinese.

I piatti tipici del Capodanno cinese

La superstizione continua anche a tavola, con un’attenzione maniacale per la preparazione di ogni pietanza. Inoltre, non si può trascorrere il capodanno senza consumare insieme i piatti tipici della festa. Sarebbe come festeggiare il Natale senza panettone o senza pandoro!

I cibi non sono scelti a caso, ma portati in tavola in base al loro significato e seguendo un ordine particolare. Ad esempio, il pesce è sinonimo di “abbondanza”, per augurare un anno prospero di soldi e fortuna. Il pesce sarà il piatto che andrà consumato per ultimo. Il raviolo, forse uno dei cibi più popolari e diffusi di tutta la Cina, significa “ricchezza”: alcuni, per caricarne ancora di più il significato, inseriscono una monetina di rame all’interno del raviolo e chi la trova è destinato a diventare ricco.

L’augurio di ricchezza e prosperità viene associato anche agli involtini primavera, mentre la torta di riso agglutinato è simbolo dell’aumento e della crescita e gli spaghetti significano felicità e lunga vita. Non mancano mai, durante tutto l’arco delle festività, le palline di riso dolci, dato che sono il simbolo indiscusso dello stare insieme in famiglia. Infine, i cinesi addobbano la tavola con dei frutti: mandarini, arance e il pomelo, uno speciale pompelmo associato al significato di crescita della ricchezza.

Dove sono i festeggiamenti in Cina

In tutta la Cina. Nelle zone rurali si seguono ancora le vecchie tradizioni di una volta come il culto degli antenati e le danze rituali. Nelle città più grandi, usi e tradizioni stanno cambiando. A Pechino, Hong Kong, Guangzhou e Shanghai vengono organizzati spettacoli, feste, mercatini e fiere che legano l’aspetto religioso a quello profano.

Pechino è specializzata nel cibo da strada, in opere teatrali e spettacoli di acrobati, mentre a Guangzhou  si tiene la festa del fiore dove è possibile scegliere la propria composizione floreale preferita. Ad Shanghai si va per ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio che illuminano l’acqua.

Hong Kong, invece, merita un discorso a parte: soltanto in questa città, infatti, si mescolano elementi vecchi e nuovi della tradizione del capodanno cinese. Pensate che le festività che si svolgono per le strade di Hong Kong sono considerate tra le più belle al mondo a cui assistere almeno una volta nella vita: parate, sfilate, fuochi d’artificio, e tanta, tanta gente animano il centro della città.

E nel resto del mondo?

Nel resto del mondo, il capodanno cinese si festeggia nelle Chinatown che si trovano all’interno delle varie città. Parigi e Londra ospitano una grande comunità cinese, così come Amsterdam, dove tutti si riversano in piazza Nieuwmarkt, il cuore pulsante della Chinatown olandese.

Grandi festeggiamenti si svolgono per le vie di San Francisco, forse la più grande Chinatown del mondo, a cui segue quella di Bangkok e quella di Yokohama in Giappone.

Il Capodanno Cinese in Italia è a Milano

Il fulcro dei festeggiamenti del capodanno cinese in Italia si svolge a Milano: chi la organizza è la comunità cinese che abita nel quartiere di Chinatown. Per festeggiare il passaggio all’anno nuovo, via Paolo Sarpi viene invasa dalle musiche e dai colori della parata in costume, quando sia italiani che cinesi si presentano vestiti da leone, dragone e altre figure che appartengono alla tradizione.

Non solo nelle vie e nelle piazze, ma anche a teatro e all’Istituto Confucio di Milano verranno organizzati spettacoli ed incontri per festeggiare il capodanno cinese: sono tutti invitati a conoscere le tradizioni e gli usi della Cina. Vengono organizzati anche laboratori per bambini per avvicinarli alla cultura cinese.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)