Home » Capodanno nel Mondo » Capodanno in Guatemala: colorato e vivace

Capodanno in Guatemala: colorato e vivace

Tempio in Guatemala
Il famoso Tempio del Giaguaro a Tikal, in Guatemala, una delle mete imperdibili del vostro viaggio di capodanno



Cercate una destinazione esotica per il prossimo capodanno che esca un po’ dall’ordinario? Se state leggendo questo articolo, vuol dire che posti come Messico, Thailandia, Seychelles e Caraibi sono già sul vostro passaporto e adesso siete alla ricerca di una meta originale per trascorrere il capodanno al caldo. Se siete ancora indecisi sul da farsi, il consiglio ve lo diamo noi: il Guatemala.

Uscito da anni di dittature e colpi di stato, il Guatemala è un Paese ancora tutto da scoprire: per farlo, occorre semplicemente farsi coinvolgere dalla sua gente. E dai suoi colori. Che vi avvolgeranno come gli scialli delle donne nei mercati. Certo, rimarrete affascinati anche dalle bellissime rovine Maya, dalle sue spiagge e dalla sua natura fatta di vette e vulcani, ma la vera anima del Guatemala è la cultura e il folklore che muove la gente del posto.

Ormai lontano dal suo passato, il Guatemala è in costante crescita: le città sono curate fin nei minimi dettagli, le strade, quasi tutte in ottimo stato, permettono di muoversi senza grandi difficoltà, e la criminalità, seppure presente, è in netta diminuzione. In questo nuovo contesto è possibile organizzare un viaggio “fai da te” per capodanno, basta soltanto avere qualche accortezza e seguire i nostri utili consigli. Sarebbe davvero un peccato perdersi questo luogo variopinto, vero?

E allora infilate qualche costume da bagno in valigia, un buon paio di scarpe da trekking e cominciate a leggere la nostra guida su come organizzare un viaggio in Guatemala per il prossimo capodanno.

Informazioni turistiche

Il clima

Il Guatemala è caratterizzato da un clima tropicale, con due stagioni distinte: una secca che va da novembre ad aprile e una umida e piovosa da maggio ad ottobre. La probabilità di imbattersi in un acquazzone è comunque molto alta, ma di solito si concentrano sul tardo pomeriggio e non durano più di 15 minuti. Le temperature oscillano tra 23° e i 30° C, mentre il mare ha una temperatura di 27° – 28°C, ottima per fare il bagno anche in pieno inverno.

Capodanno in Guatemala
Il Lago Atitlan è uno dei luoghi più belli di tutto il Guatemala.

Come arrivare

L’aeroporto principale è quello di La Aurora e si trova a circa 6 Km a sud della capitale, Guatemala City. I collegamenti dall’Italia sono frequenti, ma non esistono voli diretti: occorre fare almeno uno scalo e tra le compagnie che operano questo collegamento vi consigliamo di controllare le tariffe dell’American Airlines e quelle delle spagnola Iberia.

Come spostarsi

Il Paese ha una superficie ridotta e per spostarsi da un luogo ad un altro potrete contare su una rete capillare di trasporti, dagli autobus ai tuk tuk. L’unica cosa che dovrete mettere in conto è il traffico e la scarsa qualità delle strade secondarie che spesso causano rallentamenti dei mezzi. Non occorre prenotare tutto dall’Italia: potrete anche arrivare sul posto ed affidarvi ad un’agenzia locale che organizzerà i vostri spostamenti. Se vi recherete a prenotare nelle strutture ricettive, vi metteranno a disposizione pulmini turistici che niente hanno a che fare con quelli utilizzati dai locali.

Visto che il Guatemela esprime il meglio di sé attraverso i suoi abitanti sarebbe un peccato spostarsi con i pulmini turistici: utilizzate, quindi, gli autobus caratteristici locali dove viaggerete insieme ad una variegata folla di persone, da famiglie a predicatori, fino agli animali. Nelle città minori, vengono utilizzati dei pick up che partono soltanto quando sono pieni: in linea di massima non esiste un orario nemmeno per gli autobus, ma informandosi dai locali potrete venire a conoscenza della frequenza con cui passano.

Dove dormire

Soggiornare in Guatemala è ancora molto economico e l’offerta è abbastanza varia. Tutto dipende da dove volete dormire: Antigua è una città tranquilla, multiculturale e frequentata soprattutto da backpackers (quindi la presenza di ostelli è molto alta), Guatemala City è un guazzabuglio di persone e mezzi dove troverete sistemazioni di tutti i livelli, mentre se sceglierete di uscire dalle città per dirigervi verso il Lago Atitlan o verso Chichicastenango, potrete optare per soggiornare in alcuni bed & breakfast che si trovano pienamente integrati nella natura con graziosi e confortevoli bungalow.

Cosa vedere e fare

Città e natura. Per quanto riguarda le città, le due mete imperdibili sono Antigua e Guatemala City, quasi una l’opposto dell’altra. Se ad Antigua la vita scorre lenta e tranquilla, nella capitale gli autobus corrono impazziti per le strade; se ad Antigua è tutto moderno e ristrutturato, a Guatemala si scorgono ancora i segni di un triste passato. La caratteristica che le accomuna sono le persone e i mercati da visitare, luoghi ideali per iniziare a fare qualche acquisto da portare a casa, ma soprattutto luoghi ideali per fare conoscenza con la gente del luogo.

Lasciate le città principali non potrete fare a meno di visitare Chichicastenango e il Lago Atitlan, considerato tra i più belli del mondo. Sulle sue sponde sorgono sette villaggi, ognuno con le proprie caratteristiche, da dove potrete partire per un giro in barca verso il centro del lago. Una cosa che non dovrete assolutamente perdervi è il mercato artigianale di Chichicastenango, considerato il più caratteristico e il più grande di tutto il Centro America.

Non può mancare una visita a Tikal e Flores considerato il principale centro Maya del Paese, ed immerso in una folta foresta tropicale.

E le spiagge? Anche il Guatemala ha il suo piccolo angolo dei Caraibi che si trova a Rio Dulce e a Livingstone. Palme, foresta tropicale e spiagge: ecco il paradiso che vi aspetta.

Tempio in Guatemala
Il famoso Tempio del Giaguaro a Tikal, in Guatemala, una delle mete imperdibili del vostro viaggio di capodanno

Capodanno in Guatemala

Per dare il benvenuto al nuovo anno, in Guatemala utilizzano abiti e maschere che evocano il loro passato coloniale. In particolare ad Antigua è possibile farsi coinvolgere da alcune celebrazioni: la sera del 31 dicembre vanno in scena le rievocazioni dei “Mori contro i Cristiani” e quella del “Incendio delle Ali e dei Tori”. Nel caso della prima rappresentazione, i cristiani sono ben riconoscibili perché vestiti di azzurro, il colore della Vergine Maria, mentre i mori sono vestiti di rosso, il colore del diavolo, mentre nel secondo caso, un uomo viene vestito da toro e corre tra la folla sparando, in modo immaginario, una raffica di fuochi d’artificio.

A parte queste rappresentazioni, allo scoccare della mezzanotte troverete davvero poco da fare: gli abitanti cominciano a sparare i fuochi d’artificio ben prima della mezzanotte perché non riescono a resistere al loro richiamo. Si comportano un po’ come dei bambini piccoli che non riescono farne a meno! Quindi, arrivati allo scoccare, quasi tutti i petardi sono già stati scoppiati: in effetti, sembra che appena trascorsa la mezzanotte non ci sia già più niente da festeggiare. Se erano allestiti dei palchi con la musica, vengono subito smantellati, i bar e i locali chiudono molto prime dell’una e difficilmente troverete qualche posto dove tirare fino a tardi. Se vi trovate ad Antigua, i posti migliori per assistere ai fuochi d’artificio sono le zone limitrofe al Palazzo Comunale e quelle a Calle del Arco.

Un po’ più di movimento lo troverete a Guatemala City, dove le persone si riuniscono nelle piazze principali per attendere insieme l’arrivo del nuovo anno. Molte di loro indossano abiti nuovi come buon auspicio rispetto all’anno che sta per arrivare.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)