Home » Capodanno nel Mondo » Festeggiare il Capodanno per primi, in Nuova Zelanda

Festeggiare il Capodanno per primi, in Nuova Zelanda

Capodanno in Nuova Zelanda
Capodanno in Nuova Zelanda: i fuochi illuminano la baia di Auckland



Se è vera la regola che il viaggio, più è lontano, e più va prenotato in anticipo, allora siete già in ritardo se volete festeggiare il Capodanno per primi nel Mondo… perché la vostra destinazione sarà la Nuova Zelanda, una meta turistica affascinante posta esattamente agli antipodi dell’Italia, che nel periodo del capodanno è in piena estate e quindi nel periodo ottimale per un viaggio.
Il suo fuso orario di 12 ore avanti rispetto all’Italia ne fa una delle prime Nazioni a festeggiare il cambio della data, e quindi l’avvento del nuovo anno, seconda soltanto ad alcune isole del Pacifico.

Ma non è di certo soltanto lo sfizio di essere i primi a stappare lo spumante che vi porterà così lontano da casa: la Nuova Zelanda è infatti una meta turistica di prim’ordine, così ricca come è di bellezze naturali e di tradizioni che ben convivono con la modernità di città come Wellington, la capitale, e soprattutto Auckland, la più grande nonché quella che vanta la posizione più suggestiva, che il Mondo conosce per essere stata sede di alcune delle migliori edizioni della regata velica di Coppa America.

Capodanno in Nuova Zelanda
Capodanno in Nuova Zelanda: i fuochi illuminano la baia di Auckland

Il turismo fai-da-te è abbastanza facile in Nuova Zelanda, in quanto si parla Inglese, la nazione è moderna e sicura, è un vero stato Occidentale, ma senza una buona guida sarà difficile apprezzare tutte le bellezze che sa offrire, perché è negli angoli più remoti che la bellezza del territorio si sprigiona al massimo, la dove il verde dei prati si tuffa direttamente nell’Oceano Pacifico!

Noi vi consigliamo di dedicare 2 giorni ciascuna alla visita delle due principali città. Non perdetevi attrazioni come la Sky Tower di Auckland, alta ben 328 metri, che garantisce un panorama mozzafiato sulla città e il mare aperto, o come il museo Te Papa Tongarewa di Wellington, il più importante del Paese, o lo shopping in una delle numerose vie. In una delle città potrete anche trascorrere il veglione in uno dei moderni hotel, magari assistendo ad una festa con tanto di tipica danza Maori. Per la mezzanotte del 31, non aspettatevi comunque follie ed eccessi come in Europa, specialmente al di fuori della più vivace Auckland.
Fatto questo, per dire di aver conosciuto veramente la Nuova Zelanda, dovete assolutamente trascorrere il restante tempo immersi nella natura, e qui non c’è che l’imbarazzo della scelta: l’Isola del Sud, ad esempio, meno urbanizzata, racchiude veri tesori naturali, facili da visitare grazie all’ottima organizzazione di tour e guide in loco: qui potete fare base a ChristChurch, la seconda città più grande, famosa per la bella cattedrale. Altro centro di riferimento è Queenstown, patria degli sport estremi che si praticano sui bellissimi monti circostanti e soprattutto, sul lago Wakatipu sul quale si affaccia e che merita ovviamente una visita.

Ci rendiamo conto che è impossibile definire in queste poche righe un itinerario per questo Stato così lontano ed affascinante, ma nel quale vi sentirete incredibilmente a casa… prendete dunque questo articolo come un semplice spunto! Vediamo dunque qualche consiglio pratico.  La durata del viaggio in aereo può essere estenuante, mettete in conto da 24 a 36 ore compreso un cambio e relativa attesa in qualche aeroporto arabo o asiatico, ed un notevole scombussolamento dovuto al fuso orario… questo ci porta a consigliarvi di programmare questo viaggio in almeno 2 settimane. Il costo del volo è ovviamente non trascurabile: si viaggia con voli di linea di ottime compagnie e i costi a cavallo del capodanno sono di circa 1.500 euro a/r a persona. Per il resto del soggiorno non spenderete poi moltissimo, ma dovrete mettere in conto voli interni, ingressi a pagamento in zone protette, tour in fuoristrada e molto altro… Nel complesso una coppia dovrà avere un budget di circa 7-8.000 euro per effettuare questo viaggio dall’altra parte del Mondo ed affrontare una attenta fase di studio e prenotazione in anticipo delle varie strutture e cose da vedere e da fare.

Dicevamo delle guide: se siete stanchi di viaggiare in compagnia delle pur ottime Lonely Planet e per questo viaggio importante volete una guida in carne ed ossa, in Nuova Zelanda avrete una buona scelta, anche di nostri connazionali. Noi vi segnaliamo NZViaggi, un tour operator Italiano specializzato in pacchetti turistici per la Nuova Zelanda, dove troverete anche moltissime dritte, itinerari e aiuti per chi si organizza “fai da te”.

Ultimamente ci piace prendervi un po’ per la gola e segnalarvi anche qualche specialità della cucina locale. Bene concludiamo dicendovi che in Nuova Zelanda troverete ogni sorta di cibo “americano”, ma a differenza dell’Australia, qui rimangono anche molte tradizioni locali, che prevedono ottime portate di carne cucinata in forni sotto terra. Manzo, maiale, agnello, non possono che essere ai massimi livelli visti gli allevamenti bradi, ma anche la cottura e gli abbinamenti vi sorprenderanno… che ne dite ad esempio delle costine con salsa di menta? Onnipresenti poi le patate dolci, forse il vero “marchio” della cucina Neozelandese. Vini molto interessanti.

Per le distanze, la magnificenza del posto e la particolarità di essere vicini alla linea di cambio data, classifichiamo questo come uno dei viaggi di capodanno più belli ed impegnativi (viaggi “estremi” ed esplorazioni escluse, ovviamente!), per cui ci farebbe molto piacere sapere chi di voi andrà, o è andato, o semplicemente sta facendoci un pensierino… scriveteci nei commenti, qui sotto!


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)