Home » Capodanno Italia » Capodanno in Friuli Venezia Giulia » Capodanno a Gorizia, città multiculturale

Capodanno a Gorizia, città multiculturale

Capodanno a Gorizia, la piazza principale
Piazza Vittoria a Gorizia, vista dall'alto: la piazza è il cuore dei festeggiamenti di capodanno.



Gorizia è una città storica e multiculturale che offre numerosi spunti di interesse al viaggiatore, e, in occasione del Capodanno, una festa con fuochi d’artificio davvero indimenticabile. Per chi si trova in città, è da prendere in considerazione anche una visita nei dintorni di Gorizia: basti pensare che il confine con la Slovenia si trova a due passi dalla piazza principale della città.

Gorizia: come organizzare la vacanza

Dove si trova e come raggiungerla

Gorizia è situata nella punta nord-est dell’Italia, al confine con la Slovenia, e fa parte della regione Friuli Venezia Giulia. Raggiungere Gorizia è agevole sia per chi proviene dal nord Italia che dall’Europa continentale.

Chi viaggia in auto da Venezia o Udine può arrivarci tramite l’autostrada A4 Venezia-Trieste, imboccare l’uscita per Villesse e qui proseguire sul raccordo 17 fino a Gorizia. Chi invece arriva da fuori, può seguire l’H4 fino a Sempeter pri Gorici, quindi arrivare a Nova Gorica e oltrepassare il confine con l’Italia, che è a pochi minuti dal centro città.

Per arrivare a Gorizia in treno da sud occorre cambiare a Venezia o Udine: da qui è in partenza con regolarità un treno che impiega circa 2 ore. In alternativa, si può giungere a Trieste per il cambio, che dista 45 minuti. La stazione dei treni è a pochi passi dal quartiere fieristico.

In autobus si può utilizzare la linea APT Gorizia mette a disposizione una rete di bus urbani ed extraurbani. Chi arriva da altre città d’Italia invece trova occasioni anche con compagnie a lunga percorrenza come Flixbus.

L’aeroporto di Trieste è a soli 20 chilometri di distanza da Gorizia, per chi preferisce viaggiare con l’aereo. In alternativa, si può fare scalo all’aeroporto “Marco Polo” di Venezia o all’Aerodrom di Ljubljana.

Capodanno a Gorizia, la piazza principale
Piazza Vittoria a Gorizia, vista dall’alto: la piazza è il cuore dei festeggiamenti di capodanno.

Dove dormire a Gorizia

Per pernottare, Gorizia offre molteplici soluzioni ai viaggiatori. Il Grand Hotel Entourage Palazzo Strassoldo è situato proprio a ridosso del castello di Gorizia, all’interno di un’antica dimora nobiliare del Seicento: si presenta oggi ristrutturato e dotato di camere eleganti e moderne, dove ci si può concedere un soggiorno da favola.

Un altro hotel adatto a giovani coppie e famiglie con bambini è il Best Western Gorizia Palace, con camere moderne, confortevoli e accessoriate, complete di wi-fi gratuito per gli ospiti della struttura. In alternativa, è possibile prenotare una camera in uno dei tanti b&b in città.

Il Flumen, situato proprio sull’Isonzo, offre un’esperienza unica di soggiorno. Ideale per chi ama la pesca e le escursioni, questo b&b è inoltre molto vicino alle principali attrattive della città. Una vera chicca, la colazione e il pranzo a base di prodotti tipici della zona. Chi preferisce soggiornare in dimore indipendenti, invece, può prendere in affitto uno dei tanti appartamenti o case vacanza a Gorizia.

L’Urban Homy offre camere dal design moderno e sobrio, dotate di climatizzatore e schermo piatto, ed è a pochi minuti dalla fermata per la stazione. Per un pubblico più giovane, un’ottima soluzione può essere prenotare una casa su Airbnb: molti proprietari offrono appartamenti a prezzi convenienti, che si desideri un alloggio nel centro di Gorizia, a ridosso del fiume o anche nelle aree verdi circostanti.

Eventi di Capodanno a Gorizia

A Gorizia, la festa di fine anno inizia all’insegna della musica e dello spettacolo, con concerti e balli in piazza Vittoria e in piazza Oberdan, ma chi preferisce fare altro, troverà numerose alternative per svagarsi e allo stesso tempo arricchirsi culturalmente.

Lungo le arterie della città e negli angoli più visibili sono presenti numerosi stand gastronomici e di artigianato in cui fare acquisti e provare i prodotti della zona. In particolare in via Rastello, poco distante dalla piazza centrale, aprono le osterie temporanee che per la notte di San Silvestro offrono al pubblico degustazioni di tipicità enogastronomiche locali come la jota o l’ottimo vino del Collio prodotto nei vigneti circostanti.

Ma l’evento principale del Capodanno di Gorizia, quando scende la sera, si svolge nella centrale Piazza Vittoria, il punto di ritrovo della gente per aspettare insieme la mezzanotte e salutare il nuovo anno. In piazza si balla e si canta con le band e i dj più rinomati dell’isontino e non solo. Allo scoccare della mezzanotte partono i botti di Capodanno: un ammaliante spettacolo pirotecnico che incanta tutti per circa 20 minuti. Al termine dei fuochi si continua a ballare nella piazza, ma chi lo desidera può spostarsi in qualcuno dei locali della città per proseguire con il party: a Gorizia tanti locali organizzano veglioni di capodanno con musica e spettacoli, buffet e fiumi di spumante per celebrare.

Un programma alternativo potrebbe prevedere dei festeggiamenti in un ambiente particolare: diffusa è l’usanza di organizzare il capodanno in palazzi nobiliari, immersi in atmosfere affascinanti e cariche di suggestioni. Al Castello Formentini di San Floriano, poco fuori città, va in scena il Capodanno Medioevale, con ricco cenone di San Silvestro a tema allietato da performance in costume e dame e giullari ad intrattenere gli ospiti su note musicali d’epoca. Per maggiori informazioni sul castello e sul capodanno medievale potete visitare il sito ufficiale utile anche per le prenotazioni. Inoltre, per la notte di Capodanno a Gorizia rimangono aperti i musei, i centri benessere o la pista di ghiaccio, per chi vuole vivere l’inizio del nuovo anno in maniera differente.

Cosa Vedere e Cosa Fare a Gorizia

A Gorizia diverse culture coesistono armoniosamente e tanti sono i luoghi in cui è possibile respirare la multiculturalità e la ricchezza di influenze storiche. Chi è qui a Capodanno non può non visitare l’imponente castello che sovrasta la città: le sue basi risalgono al secolo XI, ma nel tempo è stato più volte ristrutturato e oggi apre al turista alcune sale in arredamento d’epoca, come quella dei Cavalieri, con la mostra di armamenti, o della musica, in cui è possibile ammirare strumenti antichi e moderni. Il Castello offre inoltre un panorama straordinario sulla città, mentre attorno il borgo presenta ancora esempi di abitazioni friulane risalenti al Medioevo.

Chi è appassionato di storia del Novecento non potrà perdersi una visita al Museo della Seconda Guerra Mondiale, dove vengono raccontati con audio, video e testimonianze del tempo i fatti salienti del passaggio della guerra in questa parte della penisola.

Il Palazzo Coronini Cronberg è una dimora eretta nel XVI secolo, già sede di famiglie nobiliari austro-ungariche, oggi nelle sue 16 sale ospita un museo con oggetti e arredi di grande valore storico. Anche il turismo religioso regala notevoli spunti d’interesse: la chiesa di Sant’Ignazio, prospiciente la piazza Vittoria, è costruita in un mix di stili, dal neo-gotico al barocco, ed è arricchita negli interni da raffigurazioni della vita dei santi. Poco distante è la sinagoga di Gorizia.

Anche chi è appassionato di sport e ama la natura trova a Gorizia mille cose da fare: sull’Isonzo si possono praticare tante attività sportive (come il rafting) e escursioni guidate nella spettacolare natura isontina.

Da vedere nei dintorni

Gorizia è la città ideale dove festeggiare, rilassarsi e al contempo andare alla scoperta di luoghi suggestivi e ricchi di storia. Palmanova, a 20 minuti di viaggio da Gorizia, è una splendida città-fortezza pianificata dai veneziani: oggi è famosa in tutto il mondo per la sua particolare pianta a forma di stella con nove punte che l’ha resa monumento nazionale e patrimonio dell’Unesco.

Non molto distante c’è Aquileia, antica colonia romana e già capitale dell’impero, dove ancora si possono osservare testimonianze del tempo, a partire dal leggendario “pozzo d’oro”, dove si dice che nel 452 d.C. Attila abbia sepolto il tesoro sottratto ai romani.

A poche centinaia di metri dalla piazza di Gorizia è situato il confine con la Slovenia e si arriva a Nova Gorica, per chi voglia fare un salto all’estero. Monfalcone è un’altra città da visitare, e da qui vicino si può partire con un’imbarcazione alla volta dell’isola di Barbana, che al suo interno custodisce molti segreti, come l’antico santuario marino del VI secolo.

Trieste e Udine, le città più importanti della regione, sono a poca distanza da Gorizia e sono due mete decisamente piacevoli per i viaggiatori. Chi preferisce trascorrere una giornata di relax invece può arrivare sul fiume Isonzo per un pic-nic o per un’escursione nella vegetazione, che in inverno offre spettacoli assai suggestivi.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)