Home » Capodanno Italia » Capodanno in Friuli Venezia Giulia » Capodanno a Trieste: feste e eventi

Capodanno a Trieste: feste e eventi

Capodanno a Trieste
I fuochi d'artificio di Capodanno sopra il cielo della città di Trieste.



Trieste, città da sempre considerata la porta d’accesso verso l’Est, accoglie i visitatori con il suo inconfondibile sapore Mitteleuropeo del XIX secolo. Viva e dinamica, a Trieste si possono assaporare atmosfere diverse tra loro e, spesso, anche contrastanti, un caleidoscopico scenario che è parte fondamentale del suo fascino.

Per Capodanno, Trieste offre tante occasioni per festeggiare, a partire da Piazza Unità Italia passando per i locali del centro fino alle feste più eleganti e raffinate che vengono organizzate nei castelli e nelle ville d’epoca. Vediamo in dettaglio come organizzare la vacanza a Trieste e le idee giuste per trascorrere il capodanno.

Capodanno a Trieste: come organizzare la vacanza

Dove si trova e come raggiungerla

Nella parte più a nord del Mare Adriatico e collocata sul golfo omonimo, Trieste si pone a guisa tra due penisole: quella italiana e quella istriana e si trova a pochi chilometri dalla Slovenia con la quale confina.

In un territorio caratterizzato per la maggior parte da una zona collinare che anticipa quella montana, Trieste si trova proprio ai piedi di un significativo pendio carsico che da circa cinquecento metri sul livello del mare, scende quasi a picco sul litorale sottostante.

Per raggiungere Trieste in auto è possibile scegliere di percorrere l’A4, casello del Lisert uscita Sistiana e proseguire sulla Strada Statale 14 (panoramica); sconsigliata l’alternativa SS202 che taglia l’altopiano ma non porta verso il centro ed è facile smarrirsi. I treni provenienti da tutta Italia, fermano alla Stazione Centrale di Trieste che rimane a pochi passi dalla principale piazza della città. Per chi vuole arrivare via aereo, il vicino Aeroporto Internazionale di Ronchi dei Legionari è ben collegato con una navetta.

Capodanno a Trieste
I fuochi d’artificio di Capodanno sopra il cielo della città di Trieste.

Dove dormire a Trieste

L’offerta turistica legata alla ricettività alberghiera, a Trieste è alquanto ampia ed include hotel di ogni categoria, soluzioni di bed & breakfast nonché residence e appartamenti in locazione per brevi periodi. Questi sono i nostri suggerimenti.

Il Savoia Excelsior Palace Trieste Starhotels Collezione è un 4 stelle che si trova a Riva del Mandracchio: inserito all’interno di uno storico edificio ottocentesco e di fronte al Golfo di Trieste, il Savoia Excelsior Palace è tra i più lussuosi hotel della città. Gli interni miscelano sapientemente gli arredamenti classici con un moderno design. Le stanze, di varie tipologie, sono elegantemente arredate e dotate di TV Sat, connessione Wi-Fi gratuita, bagno con set di cortesia e, alcune sono vista mare. Per gli ospiti è a disposizione un centro fitness. In più oltre al bar con vista panoramica, l’hotel offre il Savoy Restaurant con piatti gourmet.

L’Unica B&B si trova in piazza della Borsa in pieno centro a Trieste. Le stanze, tutte con bagno privato dotate di doccia idromassaggio, sono equipaggiate con una macchina da caffè e un bollitore. Il Wi-Fi è gratis in tutte le aree. Questo b&b resta a solo una cinquantina di metri da piazza Unità d’Italia e a circa un chilometro e mezzo dal porto.

Infine il Residence Theresia- Tailor Made Stay si trova in Via Trento, 12, anch’esso nel centro di Trieste, a qualche centinaio di metri da piazza dell’Unità. Dispone di 18 appartamenti di diverse tipologie, tutti dotati di angolo cottura totalmente attrezzato e con una zona salotto. Il Residence Theresia trova posto all’interno di un palazzo dall’elegante stile mitteleuropeo vicino alla stazione e al terminal degli autobus.

Eventi di Capodanno a Trieste

Elegante, di classe, Mitteleuropea: molte sono le definizioni con le quali è possibile descrivere Trieste. Nonostante l’aria di noblesse oblige, Trieste è una città dove ci si diverte e il Capodanno può essere considerato il top dell’allegria dove molti scelgono di trascorrerlo in casa e molti altri di viverlo in mezzo alla gente festante.

Diversi sono i punti di ritrovo che diventano teatro della movida di Capodanno: piazza Ponterosso, piazza Cavana, via S. Nicolò-Dante e, soprattutto, piazza Unità d’Italia. Si può decidere di vivere l’attesa, il countdown e la festa al ritmo della musica latinoamericana oppure della pop music, in quanto ogni location propone soluzioni diverse dalle altre.

A piazza Unità d’Italia, luogo principale per attendere la mezzanotte, quest’anno ci sarà il DJ set a cura di Radio Company e la Band Trieste Pop Music Star con uno spettacolo live. Poi, a mezzanotte come da tradizione, dal Molo Audace partirà lo spettacolo di fuochi artificiali animati dal ritmo della musica.

Più raffinato il cenone di Capodanno che si tiene al castello di Miramare dove godere, oltre che dello spettacolo pirotecnico, anche di quello dei giochi d’acqua abbinati. Ovviamente ristoranti, locali e discoteche hanno approntato un programma per l’occasione, capace di soddisfare le esigenze di ogni turista.

Cosa Vedere e Cosa Fare per Capodanno a Trieste

Chi attenderà l’arrivo del nuovo anno a Trieste, può visitare i vari mercatini natalizi che sono ubicati in centro, dove dozzine di bancarelle propongono articoli artigianali, prelibatezze gastronomiche e altro ancora per la felicità di tutti gli appassionati di shopping.

Trieste è una città che merita di essere visitata con attenzione, tante sono le bellezze che trovano posto in questa città. Il nostro suggerimento è quello di pianificare un itinerario dove inserire i punti più interessanti. Questi sono quelli da noi consigliati.

Piazza Unità d’Italia è la più estesa piazza di tutto il continente che si affaccia sul mare. Notevole è il Palazzo del Municipio dove trova posto il famoso orologio di Micheze e Jacheze del XIX secolo, che segna il tempo attraverso i suoi rintocchi. Da non perdere la scenografica Fontana dei Quattro Continenti e, soprattutto, il famosissimo Caffè degli Specchi dove si riunivano nell’Ottocento artisti e poeti. Da visitare la piazza anche di sera, dove l’atmosfera risulta notevolmente più affascinante grazie alla particolare illuminazione.

Castello di San Giusto è stato realizzato tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Seicento, dal colle sovrastante Trieste, questo maniero domina la città e offre una notevole panoramica. Nel sottostante piazzale si possono ammirare la cattedrale gotico-romanica, il Foro romano e il Monumento ai Caduti. E ancora potrete recarvi al Teatro Romano, resti di un teatro di epoca romana risalente al I° secolo d.C. che fu trovato solamente il secolo scorso.

Il Museo Civico di Storia Naturale è consigliato per gli appassionati del genere, il percorso museale consente di vedere dei reperti di zoologia, mineralogia, botanica, geologia e paleontologia. Si potranno vedere i resti di alcuni dinosauri ritrovati nei pressi della città. Per quanto riguarda gli edifici religiosi, Chiesa di S. Maria Maggiore è una delle principali chiese triestine al cui fianco si trova l’Arco di Riccardo del I° secolo a.C. fatto erigere da Augusto.

Se vi avanza del tempo potreste implementare la visita della città recandovi al Civico Museo Teatrale Carlo Schimdl, al Museo del Mare, al Museo di Storia Naturale, all’Acquario Marino e al Civico Museo della Guerra per la Pace, dedicato alla Grande Guerra.

Da vedere nei dintorni

Tra i luoghi da vedere nei dintorni di Trieste, perfetti per una gita in giornata potrete recarvi a Risiera di San Sabba uno stabilimento per la pilatura del riso, utilizzato come lager durante la Seconda Guerra Mondiale: la particolarità è quella che fu l’unico campo di concentramento in Italia dotato di forno crematorio. Oggi è monumento nazionale.

Il Castello di Miramare, appena fuori Trieste, risale a metà del XIX secolo, quando Massimiliano d’Asburgo ne ordinò la costruzione con la pietra bianca d’Istria. Incorniciato da oltre venti ettari di parco, si affaccia sul mare.

Infine il Faro della Vittoria, edificato con bianca pietra istriana a circa centotrenta metri sul livello del mare, il faro è un monumento nazionale voluto per commemorare i soldati caduti durante la Grande Guerra.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)