Home » Capodanno Italia » Capodanno in Liguria » Capodanno a Savona

Capodanno a Savona

Capodanno a Savona, il lungomare
La Darsena di Savona, luogo clou dei festeggiamenti di Capodanno.



Volete trascorrere il Capodanno in una bella città costiera? Savona, in Liguria, potrebbe essere la soluzione perfetta. La bella città portuale ligure, quando arriva la Notte di San Silvestro, si riempie di vitalità e magia, con musica, eventi e la meraviglia dei fuochi che si rispecchiano sul mare: con tutti questi ingredienti, il Capodanno a Savona è davvero un’esperienza da provare.

Savona: come organizzare la vacanza

Dove si trova e come raggiungerla

Savona, capoluogo dell’omonima provincia della Liguria, è situata nella Riviera ligure di Ponente, all’altezza delle foci dei torrenti Letimbro e Quiliano. Arrivare a Savona in auto è semplice, il casello autostradale dista 4 chilometri dal centro. Chi arriva da Nord dovrà giungere a Torino e da qui imboccare la A6 Torino-Savona. In alternativa, chi viene da Sud potrà arrivare a Genova e prendere la A10 con uscita a Savona oppure percorrere l’Autostrada dei Fiori da Ventimiglia.

Chi invece viaggia coi mezzi pubblici, trova treni in partenza dalle principali città italiane: Milano, Venezia, Torino, Roma e naturalmente Genova. La stazione dei treni dista circa 800 metri da piazza Mameli, in centro.

Il viaggio in aereo può invece prevedere l’atterraggio all’aeroporto di Genova: da qui occorre recarsi fino alla stazione e quindi prendere il treno per Savona. Il viaggio dura circa un’ora. L’alternativa è l’atterraggio all’aeroporto di Albenga, a 45 minuti di viaggio coi mezzi pubblici e mezz’ora in auto. Infine, anche l’aeroporto di Nizza è un’altra opzione: la città francese è a circa 2 ore di viaggio.

Savona inoltre è raggiungibile via mare: essendo un importante porto turistico e commerciale, molti traghetti mettono in comunicazione il capoluogo ligure con la Sardegna, la Corsica e altre città portuali.

Capodanno a Savona, il lungomare
La Darsena di Savona, luogo clou dei festeggiamenti di Capodanno.

Dove dormire a Savona

A Savona ci sono tanti hotel, residence e b&b dove alloggiare. L’Hotel Mare Savona è adatto alle famiglie: è situato in un’ottima posizione sul mare, con 66 camere comode e spaziose, una parte delle quali affaccia sul golfo e l’altra invece offre una vista splendida sulle colline dell’entroterra. L’hotel ha inoltre una spiaggia privata per gli ospiti e un grande campo da golf per i momenti di relax.

Un’altra sistemazione per chi ama il verde potrebbe essere un agriturismo, come tanti ve ne sono in questa parte della riviera. L’agriturismo Tre Santi, immerso tra gli ulivi delle colline antistanti la città, offre una deliziosa esperienza di soggiorno tra relax e piaceri gastronomici. Il Piccolo Paradiso è un b&b ricreato in una dimora settecentesca, ristrutturata e riportata a nuovo: oggi offre camere comprensive di idromassaggio e altri comfort.

Chi viene a Savona via mare, forse preferirà una sistemazione vicino agli imbarchi. Un’ottima soluzione potrebbe essere affittare una delle tante case e appartamenti nella Darsena. La Casa del Porto ad esempio, è un grande appartamento ideale per gruppi, situato a un centinaio di metri dal porto: semplice ma confortevole, pet friendly e dotato di parcheggio per gli ospiti. L’abitazione è a una passeggiata di distanza dal mare e dalle principali attrazioni della città.

Eventi di Capodanno a Savona

Savona è la meta perfetta per chi vuole festeggiare il Capodanno in una città vivace che offre molte bellezze architettoniche e naturalistiche. A Capodanno, Savona offre un’ampia varietà di eventi per ogni gusto: vi sono gli immancabili mercatini natalizi con prodotti di artigianato locale e stand che propongono degustazioni di tipicità locali, e nelle stradine del centro è alquanto comune imbattersi in street artist, musicisti, cabarettisti ed altre esibizioni. Inoltre, in questo periodo i locali più rinomati della città propongono menu ed eventi particolari, per chi desideri trascorrere un Capodanno diverso con gli amici o in famiglia.

Savona quindi nel periodo di Capodanno si presenta agli avventori nelle sue vesti più abbaglianti, illuminata da luci e proiezioni in ogni angolo della città, ma è nelle aree aperte della vecchia Darsena che la festa prende vita con particolare vivacità, per quello che è ormai famoso in tutta la Liguria come il Capodanno in Darsena. Qui infatti, all’ombra della torretta, sin dalla mattina si avvicendano numerosi artisti, musicisti e giocolieri ad allietare la festa per grandi e piccini. E’ proprio la zona antistante la Vecchia Darsena il luogo di ritrovo del fatidico conto alla rovescia.

Vista la grande affluenza di pubblico per il Capodanno di Savona, seguito in diretta dalle TV locali, vengono istallati maxi-schermi che permettono di seguire l’evento anche da chi non ha trovato il posto in prima fila. Così, in quest’atmosfera frizzante ed euforica, tutti possono seguire gli spettacoli minuto per minuto, e sintonizzarsi insieme alla piazza intera per il conto alla rovescia.

Lo scoccare della mezzanotte dà avvio alla festa, tra botti, musica e il tintinnio dei calici di spumante per celebrare come da tradizione il vecchio anno che se ne va e il nuovo che arriva. Lo spettacolo pirotecnico che esplode dalla fortezza Priamar, visibile dalla Darsena e da tutta la città, è unico ed offre un’atmosfera magica quando le luci si riflettono sul golfo.

Cosa Vedere e Cosa Fare a Savona

Una vacanza a Savona nel periodo di Capodanno è anche un buon momento per concedersi un tour in questa splendida città costiera, tra storia, natura, mare e delizie culinarie. Girare per la città è un piacere, e tanti sono i punti di attrattiva.

Il Duomo del ‘500 è un esemplare magnifico di costruzione religiosa in stile barocco e un punto fermo del turismo savonese: vanta all’interno opere di pittori come Giovanni Baglione e Gerolamo Brusco e un grande organo a canne Mascioni del 1935. Poco distante dal Duomo si erge imponente la Fortezza del Priamar, costruita dai genovesi nel XVI secolo a difesa della città. Per chi ama la storia e vuole saperne di più sulle sorti culturali della città, è possibile fermarsi in visita alla Pinacoteca Civica o entrare nel museo della ceramica.
Inoltrandosi per la città, vicino al Palazzo della Rovere si erge la torre medioevale del Brandale, e poco distante la Torre Leon Pancaldo (o “torretta”), che sono considerati i simboli della città.

Proprio all’ombra delle torri si trova la Vecchia Darsena, zona portuale e turistica di rilievo e luogo ideale per chi desideri fare una passeggiata tra chioschi e stand con prodotti gastronomici tipici liguri. Chi invece vuole rilassarsi dopo i festeggiamenti può fermarsi a passeggiare nei Giardini del Prolungamento, una bella oasi verde nel centro della città.

Da vedere nei dintorni

Intorno a Savona vi sono vari punti di interesse degni di una visita. Chi ama il mare, trova ad Albenga, Spotorno, Pietra Ligure o Finale le spiagge migliori da cui osservare il mare d’inverno e, benché le acque del Mar Ligure in questa stagione non siano l’ideale per un bagno, la vista che si schiude dinnanzi è certamente appagante.

Finale Ligure, poco distante da Savona, è un bel luogo da visitare: città importante nel Medioevo, vale la pena fare un giro al castello settecentesco e alla basilica di San Biagio. Qui si trova anche un Museo archeologico che espone reperti dalla preistoria a oggi. Finale Ligure è annoverato tra i “Borghi più belli d’Italia” e non è l’unico centro a comparire in questa speciale lista nella provincia di Savona: i borghi di Laigueglia, Zuccarello, Verrezzi, Noli e Castelvecchio ne sono altri esempi.

Anche Alasso, aperta al mare e con i suoi numerosi spazi verdi, è uno di quei luoghi in cui rilassarsi e godersi una bella giornata in famiglia. L’isola Gallinara, a circa 1,5 chilometri dalla costa, è raggiungibile con un’imbarcazione. È una Riserva naturale regionale dove è possibile osservare molte specie di uccelli e inoltre è un importante punto di ritrovo per chi ama le immersioni: qui in fondo a questi mari è infatti possibile ammirare un’ampia fauna acquatica, tra cui polpi e murene. L’isola presenta ancora segni della Seconda Guerra Mondiale e chi è appassionato di Storia troverà dei siti di notevole interesse. Genova è a 50 chilometri, ovvero 40 minuti in macchina, e un giro nel capoluogo ligure è d’obbligo per chi arriva in questa regione per la prima volta.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)