Home » Capodanno in Europa » Capodanno in Nord Europa » Aurora boreale a Capodanno: i luoghi giusti

Aurora boreale a Capodanno: i luoghi giusti

Capodanno a vedere l'aurora boreale
Rosa, verde e azzurro: sono i colori che vi danzeranno davanti agli occhi durante l'aurora boreale.



Fasci di luce che danzano in cielo, ecco come si presenteranno ai vostri occhi le aurore boreali.

Da sempre legate a storie e leggende tramandate da secoli, le aurore boreali fanno da cornice alla magica natura che contraddistingue il grande Nord, fatta di montagne innevate e fiordi profondi. Nessuna immagine potrà mai descrivere cosa si prova alla vista di questo fenomeno, con i suoi colori tendenti al rosso, verde o blu elettrico: va semplicemente vissuto.

E allora perché non cogliere al volo l’occasione del capodanno per organizzare un viaggio nel nord Europa per assistere di persona a questo evento? Si, perché è proprio uno dei momenti migliori!
Ma quali sono le destinazioni migliori per assistervi? Per rispondere a questa domanda abbiamo fatto una classifica delle 5 migliori mete per assistere alle aurore boreali.

Quand’è il periodo migliore?

Il momento migliore per vederle è senz’altro l’inverno, nel periodo che va da dicembre a marzo, anche se è possibile avere la fortuna di imbattervisi anche a metà novembre così come a metà aprile. L’importante è che ci sia un’intensa attività solare: se il cielo è carico di particelle elettriche provenienti dal sole, i vari gas presenti nell’atmosfera tendono ad agitarsi e a formare queste intense colorazioni.

Le condizioni migliori si presentano nelle notti particolarmente fredde e terse: spesso potrebbero verificarsi anche alle prima luci dell’alba, quindi armatevi di tanto caffè! Trattandosi di un fenomeno del tutto naturale, non c’è sempre la garanzia che esso si manifesti: proprio per questo motivo vi consigliamo di andare in inverno per aumentare la probabilità di assistervi. L’idea è quindi perfetta per un viaggio per il 31 dicembre!

Dove vederla?

Per assistere alle aurore boreali occorre dirigersi verso nord: di solito le mete più gettonate sono l’Islanda, la Norvegia e la Lapponia, anche se talvolta sono visibili anche a nord della Scozia e in Irlanda. Per ammirare appieno il fenomeno, è consigliato salire su una collina o sostare in un posto poco illuminato dai paesi vicini: dato il freddo intenso, una delle soluzioni migliori è quella di prenotare un igloo con il soffitto in vetro che vi permetterà di ammirare l’aurora boreale al calduccio sotto le coperte.

Capodanno a vedere l'aurora boreale
Rosa, verde e azzurro: sono i colori che vi danzeranno davanti agli occhi durante l’aurora boreale.

1- Norvegia e Isole Lofoten

La Norvegia è considerata uno dei luoghi migliori per l’avvistamento delle aurore boreali. Una volta arrivati ad Oslo con voli diretti dall’Italia, avrete diverse opportunità: proseguire per le Isole Lofoten o salire ancora di più verso Capo Nord. Chi non teme il freddo intenso potrà optare per le Isole Svalbard, una delle destinazioni più settentrionali della Norvegia. La maggior parte dei turisti sceglie Tromso come punto di partenza per andare alla scoperta delle Isole Lofoten e delle zone limitrofe: non solo Tromso è ben collegato con voli diretti ad Oslo, ma conta anche una grande varietà di strutture ricettive, dai classici hotel, fino a sistemazioni originali in hotel fatti di ghiaccio. Inoltre potrete approfittare del viaggio anche per dedicarvi ad attività del tutto particolari come, ad esempio, una corsa in slitta, una passeggiata con le racchette da neve e una mini escursione per avvistare balene, aquile di mare e foche.

  • Volo: le compagnie che collegano l’Italia con il nord della Norvegia sono la SAS, la Norwegian, e la Widerøe, quest’ultima specializzata in collegamenti con le zone più remote del Paese.
  • Come spostarsi: in aereo, in treno, in auto o con il postale dei fiordi
  • Sistemazione: i lussuosi igloo dove avvistare le aurore al caldo oppure in camper attrezzati grazie alla possibilità di fare campeggio libero.

2- Lapponia

In Lapponia settentrionale è possibile ammirare almeno un’aurora boreale ogni due notti: il fenomeno è così intenso da richiamare ogni anno migliaia di turisti che sfidano il freddo pungente pur di assistere almeno una volta nella vita a questo fenomeno. In Finlandia sono ben organizzati: chi è a caccia di aurore boreali potrà iscriversi al servizio “Auroras Now!”, che invierà un allert appena le condizioni meteorologiche saranno quelle ideali perché il fenomeno si presenti. Di solito i tour in Lapponia si snodano tra Helsinki, Ivalo e Inari, per poi tornare verso Rovianiemi o proseguire verso Capo Nord, in Norvegia.

  • Volo: operato da Finnair che dall’Italia vi porterà ad Helsinki, dove potrete proseguire verso nord.
  • Come spostarsi: i voli interni sono il modo migliore di raggiungere il nord del Paese, dato che in circa un’ora e mezzo di volo sarete a Rovaniemi.
  • Sistemazione: in assoluto l’Arctic TreeHouse Hotel dove potrete dormire in una casetta di legno con vista sul cielo, e l’Arctic Snow Hotel, il famoso hotel di ghiaccio dove la temperatura interna è di circa -5°C.

3- Islanda

Capodanno in Islanda! La Terra del Ghiaccio e del Fuoco è anch’essa considerata una delle destinazioni migliori per avvistare l’aurora boreale. Una volta atterrati a Reykjavik, potrete dirigervi verso ovest, precisamente a Grundarfjörður, nella penisola di Snaeffelsness: qui il monte Kikjufell farà da sfondo alle foto che scatterete, rese ancora più luminose grazie al contrasto con il buio intenso della zona. La maggior parte dei tour organizzati in partenza da Reykjavik, si ferma nei pressi della penisola di Alftanes, meta consigliata per chi non ha molti giorni a disposizione. Per chi invece non intende muoversi da Reykjavik, potrà avere comunque l’opportunità di ammirare il fenomeno, recandosi verso la statua Sun Voyager, affacciata sul mare e poco illuminata durante la notte.

  • Volo: con Iceland Air potrete volare direttamente dai maggiori aeroporti italiani.
  • Come spostarsi: noleggiate un camper e cominciate l’avventura.
  • Sistemazione: in camper?

4- Nord Scozia

Forse vi sorprenderà, ma anche in Scozia è possibile ammirare questo fenomeno. In effetti dando un’occhiata al mappamondo, è facile notare che il nord della Scozia ha la stessa latitudine di Stavanger in Norvegia e quindi la stessa probabilità di avvistare le aurore boreali. I luoghi consigliati? Certamente le Isole Shetland, le Orcadi e la penisola di Caithness, le tre zone più a nord del Paese. In alternativa, se il viaggio da Edimburgo verso il nord del Paese vi sembra troppo lungo, potrete fermarvi anche più a sud, come ad esempio nella Moray Coast, o nella zona di SkyeApplecross. Nelle notte più terse e fredde, c’è la possibilità di vedere le aurore anche ad Edimburgo, o nelle zone limitrofe come la costa di Fife e il Perthshire. Se vi trovate ad Edimburgo città, salite verso Calton Hill o optate per il parco verde di Arthurs Seat.

  • Volo: vi consigliamo di optare per i voli diretti operati dalle compagnie low cost Ryanair e easyjet.
  • Come spostarsi: l’auto e il treno sono i mezzi migliori per ammirare il paesaggio del Paese.
  • Sistemazione: ci sono tanti modi originali per pernottare in Scozia, dalle casette ricavate dalle botti di legno, alle yurte, al glamping, ai castelli fino ai fari.

5- Irlanda

Anche in Irlanda si possono vedono le aurore. In effetti in pochi sono a conoscenza del fatto che l’aurora boreale può essere ammirata anche facendo il capodanno in Irlanda. Ovviamente occorre dirigersi nella parte nord del Paese, in luoghi remoti e bui, in modo da favorire la vista. Una delle zone più gettonate e frequentate è certamente la contea di Donegal, specialmente nella penisola di Inishowen, un luogo scarsamente popolato e ancora molto selvaggio. L’alternativa è la costa di Antrim, in particolare la zona che si estende da Portrush a Cushendun, considerata una delle destinazioni più selvagge ed incontaminate dell’Irlanda, caratteristiche che la rendono una delle mete ideali per avvistare il fenomeno.

  • Volo: Ryanair e Air Lingus sono le due compagnie irlandesi che operano voli diretti dall’Italia.
  • Come spostarsi: in auto o in treno
  • Sistemazione: se cercate una sistemazione originale optate per un vecchio castello, una fattoria o il semplice campeggio.

Come vedete, non è affatto impossibile ed è un’ottima idea per un viaggio di capodanno alternativo e che ricorderete per tutta la vita!


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)