Home » Capodanno in Europa » Capodanno in Svizzera » Guida turistica sulla Svizzera: montagna e città

Guida turistica sulla Svizzera: montagna e città

Capodanno in Svizzera
Capodanno in Svizzera: il trenino rosso del Bernina è uno dei simboli delle Alpi Svizzere



Oggi vi daremo consigli pratici per trascorrere il capodanno in Svizzera. Iniziamo confermando una diffusa convinzione: la Svizzera è destinata a pochi, vale a dire a quelli che non si pongono problemi sul fatto di dover contenere il budget: prezzi di per se’ alti (specie nelle zone turistiche) e cambio sfavorevole creano infatti condizioni davvero scoraggianti per il turista medio italiano ed europeo in genere.

Ma le bellezze sono così tante che un sacrificio si può fare.
Il Paese offre delle meravigliose cime innevate dove poter praticare qualsiasi tipo di attività sportiva invernale, romantiche baite immerse nei boschi, vivaci cittadine dove molto spesso è possibile incontrare personaggi del jet set che scelgono la Svizzera per trascorrere il periodo di capodanno.

Che tempo si trova?

Molto simile a quello del nord Italia, con intense nevicate ad alta quota soprattutto nel periodo di dicembre e febbraio con temperature che scendono spesso al di sotto degli 0°C anche nelle città. Ovviamente se vorrete trascorrere il capodanno sugli sci dovrete attrezzarvi di conseguenza con giacche tecniche pesanti.

Capodanno in Svizzera
Capodanno in Svizzera: il trenino rosso del Bernina è uno dei simboli delle Alpi Svizzere

Come arrivare

La Svizzera è facilmente visitabile con un mezzo proprio che, tra l’altro, diventa anche la scelta migliore per muoversi da una zona all’altra. Una volta arrivati alla frontiera dovrete avere la pazienza di svolgere alcune formalità doganali, visto che la Svizzera non ha aderito al trattato di Shenghen.
Per poter percorrere le autostrade del Paese, dovrete munirvi di Vignette, un pedaggio da pagare per poter circolare liberamente. Il bollino dovrà essere esposto in maniera ben visibile nella parte anteriore o superiore del parabrezza dell’auto ed ha la validità di un anno: non esistono vignette più economiche da poter utilizzare per il tempo del vostro soggiorno e il costo è di 38,50 €.

Una valida alternativa è l’aereo, ma solo se deciderete di fare tappa fissa in una cittadina, a meno che non noleggiate un’auto per visitare le altre zone del Paese. I quattro aeroporti principali sono quelli di Basilea, Zurigo, Berna e Ginevra. L’aeroporto di Basilea non è ben collegato con l’Italia a parte qualche volo in partenza dagli aeroporti principali della penisola operati con Swiss Air. Gli aeroporti di Zurigo e Ginevra sono i più trafficati del Paese e vi atterrano voli di tutte le maggiori compagnie internazionali, Air Dolomiti e Alitalia comprese, mentre l’aeroporto di Berna è dedicato ad alcuni voli stagionali e ai voli interni.

Trovandosi nel cuore dell’Europa, la Svizzera è facilmente raggiungibile anche con il treno perché i collegamenti con le altre nazioni sono frequenti e veloci.

Come muoversi

Certamente l’auto propria resta il mezzo migliore per visitare la Svizzera: una volta acquistata la Vignette potrete liberamente muovervi sulle maggiori autostrade del paese, che collegano tutti i cantoni della Svizzera. I mezzi pubblici per i turisti sono comunque all’ordine del giorno: una fitta rete di autobus, treni e battelli che potrete intercambiare a vostro piacimento grazie ad uno unico biglietto valido su tutti i mezzi (e gratuito per i ragazzi al di sotto dei 16 anni).
Ovviamente, i mezzi pubblici svizzeri sono famosi e rinomati per la loro efficienza e puntualità: i treni in particolare partono tutti i giorni sempre alla stessa ora e allo stesso minuto, quindi non avrete neanche difficoltà a memorizzare l’orario che più vi interessa!

Dove dormire in Svizzera?

Come dicevamo, i prezzi in Svizzera sono alti e gli hotel sono ciò che può far sbancare il budget. Troverete una grande scelta di strutture lussuose (e costose) in tutte le città, da Lugano a Ginevra, ma forse quello che non sapete è che gli hotel di alto livello sono molto diffusi anche in montagna. Da Saint Moritz alla inarrivabile Gstaad, da Scuol a Bettmeralp, è infatti incredibile il numero di piccole località montane considerate “per ricchi”.
Gli hotel economici ci sono, ma la scelta è ridotta e scendendo di categoria il rapporto qualità/prezzo risulta spesso poco invitante. Nella scelta del vostro alloggio, occorre quindi pazienza e magari adattarsi a dormire un po’ fuori rispetto al centro.

Ma veniamo a qualche consiglio un po’ diverso dal solito. Oltre alle classiche sistemazioni, in Svizzera è possibile pernottare in modo davvero originale e diverso dal solito. Innanzitutto, per gli amanti della quiete e della tranquillità è possibile soggiornare all’interno di antichi monasteri, ovviamente ancora abitati dai monaci: stiamo parlando dell’Abbazia benedettina di Einsiedeln o nel convento benedettino di San Giovanni a Mustair: nell’ultima sistemazione si trovano nove camere a disposizione dei pellegrini con possibilità di solo soggiorno o di partecipare attivamente alla vita monastica cadenzata dalle messe e dai rituali giornalieri. Lo stesso vale per il convento di Fischingen in Turgovia, dove troverete delle ottime occasioni per meditare, visto che è abitato da soli sette monaci.

Passiamo alle “capanne”: sui monti svizzeri sono dislocate alcune costruzioni situate in luoghi solitari che sono adibite ad accogliere i turisti che intendono camminare almeno 4 ore prima di raggiungere la vetta: non essendoci impianti di risalita nelle vicinanze è una scelta consigliata soprattutto per il periodo estivo. A Rochers-de-Naye sono invece disponibili delle yurte in stile mongolo dove possono soggiornare famiglie, gruppi numerosi e scolaresche: si tratta di enormi tende arredate ognuna con 8 posti letto: un’esperienza da non perdere.

Non mancano gli hotel a tema dedicati esclusivamente agli innamorati che si vogliono concedere una fuga romantica durante il periodo di capodanno: stiamo parlando del Zeit & Traum Hotel a Beatenberg sulle sponde del Lago di Thun.

Città o natura?

L’ideale sarebbe riuscire ad abbinare entrambe, puntando, per quanto riguarda la natura, sulle zone Alpine che in inverno danno il loro meglio grazie alla neve e ai numerosi eventi.

Sci e sport invernali

Per quanto riguarda gli sport invernali, la scelta è davvero ampia. Vi menzioniamo Saint MoritzKloster e Adelboden, sedi delle piste più famose di tutto il Paese. A seguire anche l’affascinante Zermatt, situata sulle pendici del Cervino e famosa non solo per i 300 Km di piste costantemente innevate per tutto l’inverno, ma anche perchè è collegata sci ai piedi con la nostra Cervinia attraverso un affascinante percorso di piste ed impianti di risalita sul ghiacciaio, ad altitudini davvero alpine!

Tra i numerosi sport invernali che è possibile praticare, alcuni sono decisamente adrenalinici come l’heliski, per sciare fuori pista seguendo le esperte guide alpine. Per quanto riguarda le attività invernali vi consigliamo di provare la pista di slittino più lunga d’Europa, situata nel Grindelwald, dove si percorrono 15 chilometri per ben 1.600 metri di dislivello.

Ma forse l’attrazione invernale più famosa è il Trenino rosso del Bernina, che collega Tirano (in Italia) a St.Moritz passando per cime e ghiacciai in un percorso ardito e spettacolare, oltre che estremamente comodo come collegamento tra città e montagna!

Le città

Per quanto riguarda le città, il vostro immaginario di Svizzera fatto di ordine e lusso sarà ampiamente appagato. Lugano, Losanna, Zurigo, Ginevra e Lucerna sono città godibilissime e all’avanguardia, ricche di eventi e di storia, di boutique e dell’immancabile lungolago, che le rende peraltro piuttosto simili l’un l’altra nonostante le diversità di collocazione, dimensioni e perfino di cultura.

Una menzione particolare la facciamo per la capitale Berna, che ha un fascino più antico, da capitale del nord Europa.

Capodanno: eventi e cose da fare

La guida completa la trovate nella nostra sezione “Capodanno Svizzera”, con rimandi alle singole città e zone. Qui riassumiamo i maggiori eventi.

Il Silversterzauber è senz’altro la festa più conosciuta e rinomata di tutta la Svizzera: essa si svolge nella serata del 31 dicembre tra le vie affollatissime della città di Zurigo. La festa comincia alle ore 20:00 dove è possibile cenare all’aperto tra banchetti e stand che propongono grigliate e piatti tipici della tradizioni culinaria svizzera. La festa coinvolge anche i bar e i locali contigui al centro dove risuoneranno le note dal vivo di artisti locali. A dieci secondi dalla mezzanotte comincia il countdown per accogliere il nuovo anno e allo scoccare dell’ora fatidica il cielo verrà illuminato dallo spettacolo di fuochi d’artificio sparati dal lago della città. Alcuni fuochi d’artificio verranno sparati anche dai casinò presenti in zona. Da mezzanotte e mezzo in poi il divertimento continua sia per le vie della città che nei locali dove suoneranno alcune band musicali fino alle 03:00 quando i festeggiamenti avranno termine.

Un’altra cittadina che non limita i festeggiamenti di capodanno, anzi aspira ad esserne una delle protagoniste assolute è Interlaken con lo spettacolo Top of Europe Ice Magic: quest’anno dal 17 dicembre verrà allestita una grande pista di ghiaccio proprio nel centro della città. Si potrà pattinare in 450 metri di pista e il giorno di capodanno potrete dare il benvenuto al nuovo anno con i pattini ai piedi, visto che rimarrà aperta appositamente fino alle 1:00. I festeggiamenti continuano anche la mattina successiva quando si tiene il concerto all’Höhematte Park, con artisti di rilievi nazionale e internazionale.

Non ci si annoia neanche a Zurigo, meta ideale per una fuga romantica. Moltissime le iniziative organizzate dall’amministrazione comunale che cerca di rendere piacevole anche solo una semplice camminata nel centro. La Cattedrale di Saint Pierre a Place du Bourg-de-Four è addobbata a festa e all’esterno vengono allestiti banchetti e stand dove poter cenare e trascorrere una serata all’insegna del divertimento visto che si terranno anche spettacoli di musica dal vivo che vi accompagneranno fino ed oltre la mezzanotte. Non mancano i concerti e le cene di gala, ma ogni anno l’organizzazione cambia, quindi dovrete informarvi una volta in loco.

A Basilea e a Berna si tengono i party più cool di tutta la Svizzera, suggeriti soprattutto per i giovani. Stiamo parlando del Big Bang Party, un’unica festa in due luoghi diversi, organizzata negli spazi fieristici delle due città. La maggior parte dei giovani accoreranno da queste parti per dare il benvenuto al nuovo anno tra artisti di grido internazionale, con musica dalla techno alla disco fino a musica commerciale adatta a qualsiasi tipo d’orecchio. Vi consigliamo di acquistare i biglietti con un certo anticipo, visto che stiamo parlando di una festa che richiama più di 18 mila persone.

A Losanna e a Lucerna è possibile trascorrere il capodanno sul lago, partecipando alle crociere organizzate per l’occasione. A Losanna dalle 22:45 viene organizzato il concerto di capodanno, le cui note risuoneranno fino allo scoccare della mezzanotte, quando è possibile ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, che oltre al cielo, illuminerà anche le acque del lago Lemano: ovviamente a bordo di un battello lo spettacolo sarà ancora più affascinante. A Lucerna partono alcune mini crociere dove vengono organizzati i cenoni di fine anno e feste di gala: questa volta per assistere ai fuochi d’artificio dovrete attendere fino alla sera del primo gennaio quando il lago verrà illuminato da mille colori diversi. Rinomata anche la mezzanotte sul lago di Vevey, dove la festa si divide tra cinque luoghi diversi all’interno della città per ritrovarsi tutti sulle sponde del lago per lo spettacolo di fuochi d’artificio della durata di ben 20 minuti.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)